Lejeune: «Vi diranno che siete démodé, ma voi non abbiate paura»

Venticinque anni fa, il 3 aprile 1994, moriva Jèrome Lejeune, grande scienziato,  scopritore della causa della sindrome di Down, servo di Dio per la Chiesa cattolica. «Mio marito? Un santo normale», ci disse una volta in un’intervista la moglie Birthe Bringsted. Quando, verso la fine del 1993, gli diagnosticarono un cancro, disse ai parenti: «Non dovete preoccuparvi fino a Pasqua: vivrò almeno fino ad allora. E a Pasqua, non può avvenire nulla che non sia meraviglioso!». Così fu. Si spense il 3 aprile 1994, mattino di Pasqua. Qualche anno dopo, in occasione della Gmg di Parigi, giovanni Paolo II fece cambiare il programma del raduno mondiale per andare a pregare sulla sua tomba nel cimitero di Châlo-Saint-Mars.

Qui potete vedere il video utilizzato in occasione della mostra “Che cos’è l’uomo perché te ne ricordi? Genetica e natura umana nello sguardo di Jèrome Lejeune” presentata a Rimini in occasione della XXXIII edizione del Meeting per l’Amicizia fra i Popoli. A cura di Associazione Euresis.