L’Ave Maria di Davide Van De Sfroos

Durante lo spettacolo “Tutti siete invitati” (Milano, 18 maggio 2015) organizzato dalla Diocesi di Milano, il cantante Davide Van De Sfroos ha proposto la sua “Ave Maria”. Il testo della canzone e la sua traduzione:

Ave Maria,
Che te borlet fö del quadru,
Prega per el martul,
E prega per el ladru.
Ave Maria,
Inciudada là in söl mür
Nella ca’ del magütt
E nella ca’ del dutùr
Varda, varda, varda, varda giò
Madona del Rusari
Sèmm tücc lampeden
Del stess lampadari.
Varda, varda, varda, varda giò
Madona del Rusari
Sèmm tücc padreterni,
Sèmm tücc ciulandari.
Ave Maria
Che te mènum in prucesiòn,
Strepa fü i pecàa
Cunt el cavabüsciòn
Ave Maria
E forsi ghemm pagüra
Che vegna giò’n quai angel
Cun la facia pussè scüra.
Ave Maria, vestida de celest
Se regordumm de te
Dumàa suta i fèst
Ave Maria
Cunt el cör pièe de spaad
Varda quel che sucéed
Giò in mezz ai stràad.
Traduzione:
Ave Maria,
che cadi fuori dal quadro,
prega per lo sciocco,
e prega per il ladro.
Ave Maria,
inchiodata sul muro
nella casa del muratore
e nella casa del dottore.
Guarda, guarda, guarda, guarda giù
Madonna del Rosario
siamo tutti lampadine
dello stesso lampadario.
Guarda, guarda, guarda, guarda giù
Madonna del Rosario
siamo tutti padreterni,
siamo tutti balordi.
Ave Maria
che ti portiamo in processione,
strappaci i peccati
col cavatappi
Ave Maria
e forse abbiamo paura
che scenda un angelo
con la faccia scura.
Ave Maria, vestita di celeste
ci ricordiamo di te
solo durante le feste
Ave Maria
col cuore pieno di spade
guarda quello che succede
giù nelle strade.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •