Usa: nel 2013 hanno chiuso 87 cliniche abortive. Grazie alla sensibilizzazione pro life e alle nuove leggi

Operation Rescue ha registrato la chiusura dei centri passati da 669 a 582: un calo del 12 per cento in un anno e del 73 rispetto al tetto massimo del 1991

Sono 87 le cliniche abortive che nel 2013 hanno chiuso i battenti negli Stati Uniti d’America. Escluse le 11 sotto processo le cui attività sono sospese momentaneamente. A chiudere sono stati anche 6 centri che distribuiscono la Ru486, la pillola per l’aborto a domicilio, ne rimangono quindi 177. I dati sono stati rilasciati dall’organizzazione pro life Operation Rescue, che ha condotto un sondaggio su tutto il territorio statunitense. Il numero totale delle cliniche dove si operano aborti chirurgici è passato così da 669 a 582, un calo del 12 per cento in un solo anno e del 73 rispetto al tetto massimo del 1991, in cui si contavano 2.176 centri abortivi attivi.

LE CAUSE. Cosa ha provocato un calo simile? Sicuramente lo scandalo che ha coinvolto il medico abortista Kermitt Gosnell, a cui sono seguiti altri casi, e i filmati dei movimenti pro life hanno acceso i riflettori su una realtà nascosta. E hanno dimostrato che quanto accadeva nella clinica di Gosnell non era un’eccezione. Sono seguite le leggi restrittive varate da alcuni Stati che hanno vietato l’aborto in età gestazionale avanzata e imposto nuove regole e controlli. In Texas, ad esempio, dove la legge ha bandito l’aborto oltre la ventesima settimana, hanno chiuso ben 11 cliniche. Ma anche le denunce del movimento pro life sono servite a trascinare in tribunale i proprietari di alcuni centri, condannati per procedure illegali, come in Alabama, in California e in Pennsylvania.

GLI EFFETTI. Nel mese di novembre il Centers for Disease Control, organismo di controllo della sanità pubblica degli Stati Uniti d’America, ha rilasciato le ultime stime sull’aborto mostrando un calo del 3 per cento in 3 anni. Secondo la Operation Rescue in questo triennio, 2011-2013, si è verificato il calo maggiore del numero di aborti dal 1973 (anno della depenalizzazione in America).
Gli ulteriori effetti che avranno sui numeri le chiusure recenti non si conoscono ancora, anche se si possono intuire: in Kansas dal 2001, ogni volta che una clinica abortiva ha bloccato le sue attività, l’anno successivo il numero di aborti è diminuito in maniera significativa.