Google+

Un augurio a tutte le mamme che ricominciano (che siano perfette o meno)

ottobre 1, 2015 Marcella Manghi

Sarà mica, che con la scusa del “suvvia, siamo tutte mamme imperfette” assecondo quella pigrizia che mi fa desistere dal tentare di dare di più?

mamma-mestieri-shutterstock_234452314Alla fine di settembre, con la scuola a frullatore continuo e il mix di attività pomeridiane da coordinare, rifanno capolino le mamme imperfette. Puntuali e rassicuranti come le castagne. Spopolano nei blog, nelle serie in streaming, negli editoriali delle riviste patinate. Premetto che a me queste mamme son sempre state simpatiche: son quelle che spacchettano le belle confezioni dei biscotti di pasticceria per farli sembrare loro, che mettono due volte il sale di cottura negli spaghetti perché son troppo concentrate ad ascoltare il teorema di… Pitagora, o – almeno una volta a semestre – dimenticano per cinquanta minuti un ultimogenito tra le braccia della maestra d’asilo. Queste donne mi son sempre state simpatiche perché strizzano l’occhio a tutte le mie imperfezioni e – subito dopo averle viste agitarsi in azione – in un attimo mi sento loro complice. Terribilmente complice.

Tanto che quest’anno, alle prime apparizioni, mi son detta: non sarò troppo connivente con questo stereotipo di madre manchevole? Sarà mica, che con la scusa del “suvvia, siamo tutte mamme imperfette” assecondo quella pigrizia che mi fa desistere dal tentare di dare di più? Insomma: mettersi nei panni della mamma imperfetta già alle sette di mattina col caffè in una mano e il rimmel nell’altra è un conto; arrendersi al fatto d’essere imperfette dopo l’ora dell’aperitivo quando si è cercato di rincorrere il modello di madre-attenta-più-che-posso è ben diverso. Presuppone d’aver fatto tutto il possibile prima della capitolazione.

E allora – nei buoni propositi di ottobre – ci metto quello di anelare un po’ di più allo status di madre doc, di cimentarmi – per dirne una – in un po’ più di “quality time” da spendere con la prole. Poi va da sé che la realtà non la determiniamo noi, ma va come va.
Pazienza se quando ti metti a disposizione della più grande, lei ti dice che “no, adesso non può proprio sedersi a parlar del weekend perché deve studiare per rimediare quel sei meno meno in scienze”, o quando prendi sulle ginocchia la più piccola – pronta a spiegarle i segreti sul come cucinare insieme le polpette al sugo – suona al campanello il nonno che s’è portato dietro anche il cucciolo di labrador… e allora addio polpette; anzi mettiamo proprio via il macinato che la bestiola se lo divora pure in un sol boccone.

Insomma, pazienza se alla fine ti devi arrendere al fatto che coi figli il tempo di qualità non esiste. Sì perché va sempre a finire che loro ti vogliono proprio quando ti sfrigge il ragù sulla piastra, ti arriva quella mail urgentissima del capo, o ti accorgi che se non paghi la multa per divieto di sosta entro un’ora, ti scatta la sanzione di mora dei più-di-cinque-giorni… Se non altro, avremo cercato di rendere migliore il rapporto, senza nascondersi da subito dietro l’alibi del “così fan tutte”. Per fortuna, ogni cucciolo d’uomo ha fiducia in colui a cui viene affidato: non vuole il migliore dei genitori possibili, ma il migliore dei rapporti possibili con quello stesso genitore imperfetto che gli è toccato in sorte. Buon riinizio a tutte le madri, imperfette o quasi.

Foto da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI says:

    Bellino, Marcella, grazie degli auguri, altrettanto!
    E’ vero, il tempo di qualità non esiste, perchè è TUTTO un tempo di qualità quello che trascorriamo con loro…
    Magari -parlo per me- mettercela tutta per saper meglio cogliere il suggerimenti del cuore, dell’angelo che ti dice: ” Dagliela ora, quella carezza, anche se ti costa un po’!”..e tu gliela dai, e ti accorgi che poi non ti è costata nulla, anzi, ci voleva proprio! E si riparte. Insieme.
    Io non so quando riuscirò a trovare le parole per discrivere la bellezza della famiglia…;forse, non le troverò mai.

  2. giulia says:

    BRAVA!
    Non esiste il tempo di qualità! Esiste la qualità che ha bisogno di tempo, e di tanto tempo! Poi ovvio che uno deve far i conti con le caratteristiche della propria vita quotidiana…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Leggero, scattante, comodo. Il C400X dimostra ottime doti dinamiche ha un bel motore e, per primo, un sistema di connessione molto evoluto. Riuscirà a combattere contro i mostri sacri del segmento? Lo abbiamo provato per capirlo

L'articolo Prova BMW C 400 X <br> lo scooter che non ti aspetti proviene da RED Live.

Comfort, connettività, sicurezza e design al servizio delle aziende

L'articolo Renault presenta la gamma Business proviene da RED Live.

Pronta al debutto al prossimo Salone di Parigi, la wagon del Leone getta il guanto di sfida alle rivali premium. Con un sacco di argomenti, a cominciare dal design

L'articolo Nuova Peugeot 508 SW, cambio di rotta proviene da RED Live.

Sostituisce la Serie 6 e diventa la M più potente mai prodotta. Trazione integrale, quattro ruote sterzanti, eleganza e opulenza. Per andare veloci in qualunque condizione

L'articolo BMW Serie 8 Coupé, a volte ritornano proviene da RED Live.

In programma dal 20 al 22 luglio al Misano World Circuit, il WDW (World Ducati Week) di quest’anno si preannuncia rovente: i piloti Ducati si sfideranno in sella alla Panigale V4 S.

L'articolo The Race of Champions: la sfida tra campioni al WDW 2018 proviene da RED Live.