Google+

The Bassarids all’Opera di Roma

novembre 19, 2015 Giuseppe Pennisi

L’opera va in scena per la prima volta a Roma, a cinquanta anni esatti dalla composizione nel 1965, in un nuovo allestimento

The Bassarids maschere di Ursula Patzak_3Mentre il Teatro alla Scala, inaugura la stagione con un opera che Verdi inseriva negli “anni di galera” (quello in cui era costretto a lavorare 15 ore al giorno per rispondere alle richieste degli impresari), l’Opera di Roma riparte dal Novecento: venerdì 27 novembre, ore 19, il sipario del Teatro Costanzi si alza sulla “prima” della stagione 2015/2016 con: The Bassarids. È considerato uno dei capolavori di Hans Werner Henze su testo del poeta inglese W. H. Auden e Chester Kallman tratto da Le Baccanti di Euripide. L’opera va in scena per la prima volta a Roma, a cinquanta anni esatti dalla composizione nel 1965, in un nuovo allestimento firmato da Mario Martone. Dirige l’Orchestra del Teatro dell’Opera il Maestro Stefan Soltesz. Il lavoro venne commissionata dal Festival di Salisburgo, dove ebbe un’accoglienza entusiasta: di quella “prima assoluta” esistite un ottimo disco, di difficile reperimento in questi giorni perché nelle successive riprese l’opera è stata più volte modificata o rappresentata in traduzione ritmica. È la prima volta che la versione originale giunge in Italia e, per questo motivo, il 27 novembre il Teatro dell’Opera sarà affollato anche da critici stranieri

«Ho accolto con entusiasmo la proposta di mettere in scena The Bassarids – ci ha detto Mario Martone –, e come poteva essere il contrario? Un teatro che ha finalmente il coraggio di aprire la stagione con un’opera del secondo Novecento, di un autore che ho sempre amato come Henze e su un libretto che mi consente di continuare il mio lungo viaggio nella tragedia greca (un viaggio che proprio a Roma ha avuto delle tappe fondamentali come Edipo re e Edipo a Colono). Ma nell’insieme è proprio partecipare a questa nuova stagione dell’Opera di Roma che dà un senso di azione e di rinascita, tutta la stagione mi sembra interessantissima. The Bassarids è una magistrale riscrittura delle Baccanti di Euripide, un testo tra i più misteriosi e perturbanti, che scava nel disordine indomabile che è dentro ogni essere umano e dunque dentro ogni società. Saranno proprio i due piani, quello interiore e quello politico, che cercherò di mettere in scena nello spettacolo».

Sul palcoscenico, con il Coro del Teatro dell’Opera di Roma diretto dal Maestro Roberto Gabbiani, un cast internazionale: Ladislav Elgr (Dionysus), Russell Braun (Pentheus), Mark S. Doss (Cadmus), Erin Caves (Tiresias), Andrew Schroeder (Capitano della guardia reale), Veronica Simeoni (Agave), Sara Hershkowitz (Autonoe) e Sara Fulgoni (Beroe). L’allestimento del Teatro dell’Opera vede i costumi di Ursula Patzak, le scene di Sergio Tramonti e le luci di Pasquale Mari. Movimenti coreografici di Raffaella Giordano.

The Bassarids è un atto unico, il cui libretto è stato scritto, con non pochi interventi di Henze in persona, da W. H. Auden e Chester Kallman, dopo la fortunata collaborazione per Elegy for Young Lovers, rivista e riascoltata non molti anni fa al Teatro delle Muse di Ancona ed al San Carlo di Napoli. È un atto unico perché segue, abbastanza fedelmente la tragedia di Euripide Le Baccanti da cui è tratta.

Tuttavia, sarebbe appropriato chiamarla una sinfonia scenica in quattro movimenti poiché azione scenica e musica si snodano in quattro parti, senza cesura di continuità, come in una sinfonia. Aspetti tradizionali dell’opera lirica – arie, cori, concertati – sono perfettamente integrati nella struttura sinfonica in cui il primo movimento è una sonata, il secondo uno scherzo, il terzo un andante, il quarto è un tema di ben 43 note che si snoda in una passacaglia finale. A differenza di altre opere di Henze che risentono della “seconda scuola di Vienna” (e portano la dodecafonia) al grande pubblico, The Bassiridis risente dell’esperienza post-wagneriana.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.