«Almeno non chiamatelo decreto "dignità"»

Mcl boccia il provvedimento, «qualche buona idea ma troppa demagogia. Le rigidità introdotte ingesseranno il mercato e finiranno per produrre altra precarietà e lavoro sommerso». Intervista al presidente Carlo Costalli