Google+

Stima a chi fa calciomercato (io avrei i cabasisi fumanti)

giugno 30, 2017 Fred Perri

Il mercato una volta era ruspante, tutto di corsa in qualche albergo milanese. Adesso l’albergone diventa protagonista solo alla fine delle trattative per permettere ai media riuniti di imbastire uno show

gazzetta

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Nutro un’ammirazione sconfinata per quelli che si occupano di mercato. Nella mia esistenza da giornalista militante (ora sono giornalista reduce) l’ho trattato sempre poco. Mi piace – la seguo anche perché ci va un amico – la trasmissione di Alessandro Bonan su Sky, perché non si prende sul serio ma sa trattare seriamente le notizie: niente sparate clamorose, niente buttato lì per far rumore, tipo “Paolo Rossi all’Atalanta” come titolò un quotidiano sportivo un’era fa.

Il mercato una volta era ruspante, si faceva live, tutto di corsa in qualche albergo milanese. Adesso l’albergone diventa protagonista solo alla fine delle trattative. Più che per reali esigenze tecnico-burocratico-affaristiche, per permettere ai media riuniti di imbastire uno show. In realtà le trattative, come sapete, si fanno da tutt’altra parte.

Io stimo quelli che fanno il calciomercato perché hanno pazienza, applicazione, perseveranza. Tutte virtù a me sconosciute. Io dopo mezzora avrei i cabasisi fumanti. Ma la loro bravura sta anche nel trovare i nomi di centravanti argentini, terzini olandesi, trequartisti lituani, stopper brasiliani, tutti dai nomi variopinti. E non sanno soltanto come si chiamano e quindi della loro esistenza, ma anche come giocano, i loro procuratori, perfino il nome della fidanzata e del pechinese. Per me sono perfetti sconosciuti, buoni al massimo per candidarsi per i Cinque Stelle.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Marbella (Spagna) – La Yamaha più venduta ha le forme essenziali ma non prive di fascino della MT-07. Lanciata nel 2014, ha inanellato record dopo record, totalizzando oltre 120.000 pezzi consegnati. L’Europa è il suo mercato d’elezione, ma anche gli Stati Uniti fanno la loro parte. A quattro anni dall’esordio, la MT-07 cambia più nella […]

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport – Touring per vocazione proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi