Google+

Soldi ai giudici? Meglio la galera

ottobre 27, 1999 Liguori Paolo

Dopo l’ultima condanna a 13 mesi di carcere (e 100milioni di lire di scuse per il dottor Gian Carlo Caselli) il direttore di Studio Aperto confessa di sognare una “cella pulita” in compagnia di ladri e spacciatori

Sì, è vero, ha ragione Il Foglio, i magistrati ci querelano, i magistrati ci giudicano, i magistrati ci sottraggono quattrini perché siano versati ad altri magistrati. E allora qui lo dico e qui non lo nego: io non pago più, e se a Caltanisetta mi hanno condannato a 13 mesi di carcere e cento milioni di lire di risarcimento solo perché ho detto che Gian Carlo Caselli è uno di quelli che beatificano Giovanni Falcone morto dopo averlo osteggiato da vivo, alla prossima preferisco andare in galera piuttosto che pagare per un “reato” di opinione. Notate: il pm di Caltanisetta in aula aveva chiesto 6 mesi e 60 milioni, la corte ha raddoppiato la posta, sconcertando la stessa accusa, oltre che ovviamente i miei avvocati. Merito la stessa simbolica pena di un ladro o di uno spacciatore se dico che detesto Caselli? E allora aboliamo la condizionale, smettiamola con questa foglia di fico delle pene simboliche e non se ne parli più. Che m’importa di continuare lo stillicidio di tribunali dove si danno ragione l’un l’altro e s’intascano i soldi? Meglio una condanna definitiva, vado dentro con la valigetta, a scontare un anno per nulla, per aver detto la mia opinione su un magistrato, e voglio vedere che cosa succede. Non è che io sia spaventato da questa prospettiva. Mi viene in mente la storia dei contadini di Mao Tse-tung: il Grande Timoniere mandava ai lavori forzati i professori universitari e poi le sue guardie rosse dicevano: “Se non resistete a venti gradi sottozero è perché siete stronzi voi, mica perché siamo noi ad essere persecutori”. Non voglio fare la vittima: ho già preso quattro assoluzioni a Brescia da querele di pezzi da novanta (due Davigo, un Colombo, un Remondino), ma questo di Caltanisetta è proprio un caso di sopraffazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.