Google+

Siria, il nodo è Aleppo. Per questo la Russia accusa la Turchia di aiutare i jihadisti

novembre 25, 2015 Redazione

Le accuse esplicite di Mosca e quelle velate (ma neanche tanto) di Parigi ad Ankara. Ma la strategia di Hollande rimane ambigua

Il premier russo Dmitrij Medvedev non le manda più a dire e dopo l’abbattimento di un jet russo da parte di Ankara, ha dichiarato: «La Turchia ha dimostrato ora con le sue azioni di proteggere i militanti dell’Isis. Questo non sorprende, considerando l’informazione sugli interessi finanziari diretti di certi dirigenti turchi nella fornitura di prodotti petroliferi realizzati dagli impianti dell’Isis». Da tempo Mosca ha cominciato a dire che il re è nudo su tanti aspetti della complessa guerra siriana, ma le accuse alla Turchia non arrivano certo solo dal Cremlino.

ACCUSE DALLA FRANCIA. Anche l’Eliseo non ha più voglia di scherzare. Durante un «pranzo informale» a Matignon, sede del primo ministro della Francia, Manuel Valls ha parlato con i giornalisti. Il corrispondente del Corriere della Sera, Stefano Montefiori, riporta in modo eloquente: «Sull’alleanza francese che alcuni giudicano imbarazzante con il Qatar e l’Arabia Saudita, sospettata di finanziare almeno indirettamente lo Stato Islamico, e definita dallo scrittore algerino Kamel Daoud “un Isis che ce l’ha fatta”», Valls dice che non esistono prove di legami diretti e indiretti, e aggiunge: «”Sono altri i Paesi che hanno un rapporto ambiguo con lo Stato Islamico” (il pensiero dell’interlocutore corre alla Turchia)».

ANCORA BOMBARDAMENTI. La chiarezza di Valls non fa il paio con quella del presidente François Hollande. Volato a Washington all’indomani della strage di Parigi per parlare con il presidente americano Barack Obama, ha delineato la strategia francese contro l’Isis, che è la stessa che senza successo gli Stati Uniti tengono da quasi due anni: «Più bombardamenti, nessun intervento di terra ma appoggio alle milizie che combattono sul terreno». Finché si tratta dei curdi in Iraq, gli unici che siano riusciti a strappare territori all’Isis, va bene. Ma in Siria? Hollande insiste che «Assad deve andarsene» e che volerà a Mosca per convincere Putin ad abbandonare il suo alleato.

RICONQUISTA DI ALEPPO. La risposta dello zar russo è scontata, soprattutto dopo l’abbattimento del jet da parte della Turchia. L’oggetto del contendere tra i due paesi è stato ben spiegato da Maurizio Molinari sulla Stampa. Bombardando postazioni ribelli e jihadiste, che combattono insieme nel nord della Siria, nelle province di Latakia, Idlib, Homs e Hama, la Russia sta cercando di favorire la riconquista di Aleppo da parte dell’esercito lealista di Assad, che vuole sbaragliare le forze nemiche che si trovano nel sud della provincia prendendole alle spalle.

«RIFORNIMENTI DALLA TURCHIA». Gli islamisti, appartenenti a Isis e Al-Nusra, riescono però a opporre resistenza «grazie ai rifornimenti che ricevono dalla Turchia del Sud. I comandi russi vogliono tagliare queste linee di comunicazione che, lungo il confine a Nord di Aleppo, attraversano le montagne abitate dalle tribù dei turcomanni sostenute da Ankara». Quando i caccia russi individuano convogli che dalla Turchia portano rifornimenti ai jihadisti, lo comunicano all’esercito siriano che cerca di bloccarli.
Come scrive Molinari, «è una vera e propria caccia dal cielo», «un braccio di ferro militare non dichiarato fra Mosca e Ankara nelle aree di frontiera. Da qui le frizioni fra i due eserciti. Ankara vuole ostacolare la ricognizione di intelligence russa quanto Mosca vuole bloccare i rifornimenti turchi ai ribelli».

Foto caccia Ansa/Ap
Foto jet abbattuto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.