Google+

Se noi baroni, tu badrona

marzo 29, 2000 Cainini Luigi

Alla c.a. di una ministra figlia di Maria, che nella sua non lieve arroganza e demagogia, ritenne essere il medico dissenziente, nient’altro che un barone figlio del padrone (e forse anche del Berluscone)

Mi sembra doveroso portare a conoscenza la posizione espressa dalla Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Medicina e Chirurgia. I docenti delle Facoltà mediche, nel riaffermare le ragioni della complessiva opposizione e da sempre espressa al D.Lgs. 517/99 per il riordino dei rapporti tra SSN/Università, respingono con forza il tentativo strumentale in atto volto a far apparire come unica ragione di dissenso la supposta difesa di interessi corporativi connessa al ricorso legittimamente inoltrato alla Giustizia Amministrativa da numerosi docenti in riferimento all’opzione per l’attivit‡ assistenziale “extra intramoenia”, peraltro già subordinata a specifica disciplina universitaria. Come peraltro è stato in passato, i docenti sono a favore e senza equivoci della intra-moenia, ma con scelte chiare e strutture adeguate, oggi di fatto inesistenti. Il problema reale è che la normativa che si vuole applicare mette la Ricerca e la Didattica sotto il controllo dei Direttori generali, la cui nomina è di origine politica e può determinare così una grave compromissione dell’autonomia universitaria ed una pesante interferenza del potere politico sulle Università del Paese. Non si può dunque sottacere il danno culturale che può derivare allo sviluppo generale del Paese a seguito degli effetti negativi di un siffatto controllo sulla ricerca biomedica, che per il 65% è svolta dal sistema universitario. Le Facoltà di Medicina ritengono che il D.Lgs. 517/99 vada applicato sperimentando forme concrete che tengano conto della necessità di salvaguardare sia l’autonomia universitaria che lo stato giuridico dei docenti : il vero problema è quello di evitare di sovrapporre un ordinamento ospedaliero alla normativa universitaria, che comprende Medicina, ma anche Giurisprudenza, Economia, Scienze, etc. e che è rivolta a garantire la libertà di ricerca anche nei confronti del potere politico. Ove questi aspetti vengano corretti cadranno tutto le riserve sull’applicazione della normativa.

La Conferenza dei Presidi ha dichiarato il proprio impegno ad applicare il decreto secondo modelli che consentano di continuare il cammino già intrapreso sulla strada della modernizzazione delle attività formative e scientifiche, assicurando nel contempo, un’attività assistenziale di alto livello qualitativo. Per tale risultato è indispensabile che il potere politico abbandoni la strada della contrapposizione, dell’arroganza e della demagogia consentendo un clima che favorisca l’auspicato lavoro costruttivo e propositivo fra tutte le componenti interessate. A tal fine, si chiede che siano rapidamente messe in funzione adeguate strutture interne agli ospedali, anche destinando in modo vincolato a questo fine, per un anno, gli aumenti stipendiali del 2000.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.