Google+

Scuola. Rivoluzione costo standard? Il ministero frena: «Il 90 per cento della spesa va in stipendi»

ottobre 25, 2015 Daniele Guarneri

Intervista al sottosegretario del Miur Gabriele Toccafondi. «Leggerò il libro di Alfieri, Grumo e Parola. Ma la loro proposta mi pare di difficile applicazione»

scuola-shutterstock_146100773Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti).

«Il problema della scuola paritaria in Italia non né di tipo normativo né economico, ma è principalmente culturale». Gabriele Toccafondi, sottosegretario all’Istruzione ed esponente del Nuovo Centrodestra, denuncia una questione ventennale ancora irrisolta. «Non si sa cosa sia una scuola non statale. Bisogna spiegare che spesso sono istituti no profit, che alcuni hanno una storia centenaria, sono frequentati da bambini e ragazzi normalissimi che spessissimo non provengono da famiglie abbienti e che appartengono a tutte le confessioni religiose. Non sono diplomifici o collegi esclusivi o scuole private come spesso dicono. Sono scuole pubbliche».

Sottosegretario, il libro di Alfieri, Grumo e Parola, Il diritto di apprendere, propone un approccio per risolvere il problema: economico invece che culturale.
Sono anni che ribadisco l’utilità delle scuole paritarie a livello economico: lo Stato grazie a questi istituti risparmia circa 7 miliardi di euro l’anno. Senza ne spenderebbe molti di più. Con la Buona Scuola abbiamo fatto un passo in avanti perché per la prima volta nel nostro paese non si parla più solo di contributi, ma è stato inserito il concetto di detrazione fiscale. Questa è una rivoluzione culturale. Per Ncd è una questione non irrilevante.

Ma con le detrazioni alla fine in tasca alle famiglie non rimane una cifra rivoluzionaria. Lei crede che questa sia la strada giusta? Dovremo aspettare altri vent’anni per trovare una soluzione “più consistente”?
Dal Dopoguerra al 2000 per la parità scolastica non c’è stato nulla se non un contributo. Con la legge Berlinguer si è arrivati alla parità giuridica, una prima picconata al muro ideologico. Dopo quindici anni ecco il primo riconoscimento “vero” della parità: le detrazioni fiscali. Il muro ideologico si sta lentamente sgretolando. Certo, non possiamo aspettare altri 15 anni per avere altri risultati. Già dall’anno prossimo cercheremo di raddoppiare o quadruplicare le detrazioni. E l’obiettivo è quello di giungere entro fine legislatura a una detrazione totale delle spese che una famiglia sostiene per mandare i figli alle paritarie.

Adottare un costo standard per gli studenti di ogni scuola significherebbe far risparmiare allo Stato circa 17 miliardi di euro. Le famiglie non dovrebbero spendere così tanti soldi per le paritarie e aspettare di rivederli con le detrazioni. C’è una differenza abissale.
Il costo standard è un bell’esercizio matematico. In sanità ci sono molte variabili, ma nella scuola no. Oltre il 90 per cento della spesa pubblica è data dagli stipendi e quelli sono regolati da un contratto collettivo nazionale. Leggerò con cura il libro, ma credo che per arrivare al costo standard ci sia prima da sfondare un muro ideologico e culturale. Per me, in questo momento, il miglior sistema è quello delle detrazioni fiscali. Il costo standard di sostenibilità al momento mi sembra di difficile applicazione.

Foto scuola da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. beppe says:

    sono IMPRESSIONANTI i TEMPI DI MATURAZIONE che richiede lo STATO TOTALITARIO DEL COSIDDETTO SERVIZIO PUBBLICO. un sistema di mantenimento parassitario di milioni di famiglie . ci vuole una rivoluzione culturale: convincere milioni di persone che NELLA VITA BISOGNA FATICARE PER GUADAGNARSI LO STIPENDIO.

  2. Antonio says:

    Le detrazioni sono un buon punto di partenza, ma un economista serio sa che solo il costo standard di sostenibilità per studente può garantire la libertà di scelta educativa in un pluralismo educativo perchè innesca meccanismi come , valutazione, merito, trasparenza, efficienza….
    le detrazioni non migliorano nè la scuola paritaria nè la statale perchè non le porta ad introdurre una buona gestione. Dott. Toccafondi legga il libro e poi si esprima con la responsabilità che si confà a chi è nella sua posizione. grazie

  3. recarlos79 says:

    con maggiori detrazioni si potrà solo aggiungere qualche numero in più alla lista di studenti-clienti. finchè non ci sarà piena parità di trattamento economico (cambiando così la costituzione più bella del mondo e guai a chi la tocca). rileggete anna monia alfieri in questo sito. beppe la penso come te.

  4. Luca P. says:

    Le detrazioni fiscali si applicano solo a persone con un reddito.
    Motivo per cui la strada delle detrazioni non è democratica.
    Una famiglia che non lavora non è libera di mandare il proprio figlio in una scuola paritaria … contraddicendo un diritto costituzionale.
    La via dei costi standard è l’UNICA via.

    P.S. Toccafondi riconosce la madre di tutti i problemi.
    Il 90% della spesa pubblica è data in stipendi … se si introducessero i costi standard molte scuole pubbliche dovrebbero chiudere e molti insegnanti verrebbero licenziati dallo Stato.
    Questa è la MADRE di tutti i problemi !!!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Leggero, scattante, comodo. Il C400X dimostra ottime doti dinamiche ha un bel motore e, per primo, un sistema di connessione molto evoluto. Riuscirà a combattere contro i mostri sacri del segmento? Lo abbiamo provato per capirlo

L'articolo Prova BMW C 400 X <br> lo scooter che non ti aspetti proviene da RED Live.

Comfort, connettività, sicurezza e design al servizio delle aziende

L'articolo Renault presenta la gamma Business proviene da RED Live.

Pronta al debutto al prossimo Salone di Parigi, la wagon del Leone getta il guanto di sfida alle rivali premium. Con un sacco di argomenti, a cominciare dal design

L'articolo Nuova Peugeot 508 SW, cambio di rotta proviene da RED Live.

Sostituisce la Serie 6 e diventa la M più potente mai prodotta. Trazione integrale, quattro ruote sterzanti, eleganza e opulenza. Per andare veloci in qualunque condizione

L'articolo BMW Serie 8 Coupé, a volte ritornano proviene da RED Live.

In programma dal 20 al 22 luglio al Misano World Circuit, il WDW (World Ducati Week) di quest’anno si preannuncia rovente: i piloti Ducati si sfideranno in sella alla Panigale V4 S.

L'articolo The Race of Champions: la sfida tra campioni al WDW 2018 proviene da RED Live.