Google+

Rosetta

gennaio 26, 2000 Frangi & Stolfi

Rosetta

Rosetta, il film che ha vinto tra sorpresa e scandalo l’ultimo festival di Cannes, è arrivato nelle sale italiane proprio mentre arrivava la notizia della morte del grande Robert Bresson. Una coincidenza carica di significati. Bresson è stato il più grande e vero interprete cinematografico del malessere giovanile. E Rosetta è un film che senza l’insegnamento di Bresson non avrebbe mai potuto essere girato. La storia è quella di una ragazza, figlia di emigrati italiani in Belgio, che lotta sino allo spasimo per avere un lavoro dignitoso. Ma il privato della ragazza ha un punto buio che ogni volta rimette in discussione le conquiste acquisite: è la madre alcolizzata che Rosetta, sempre con la solita caparbietà, cerca di restituire a una vita degna. La vita di Rosetta è una lotta continua, senza respiro. La realtà le viene addosso senza sconti e senza pietà: come se fosse su un ring, dove concedersi un attimo di pausa significa incassare un pugno che ti piega le gambe. Anche la straordinaria Rosetta, Emilie Dequenne, è un’attrice non solo non professionista, ma è una “non-attrice”, proprio come esigeva Robert Bresson (si può leggere il suo credo in una bella intervista realizzata da François Truffaut e pubblicata or ora da Minimum fax). Eppure tra Rosetta e Bresson, tra tanti punti di familiarità, c’è anche un’angosciosa distanza. Che è spiegabile con due ragioni. La prima è che la grandezza poetica di Bresson non è riproducibile come una formula. È un miracolo, che permetteva al regista di scovare un lampo di luce – mai gratuito, mai scontato – anche nelle situazioni più buie. Il suo cinema, che aderiva senza presunzioni alla bellezza drammatica del reale, ad un certo punto, urtava la presenza fisica del mistero: poteva essere uno sguardo, una carezza, una parola. Questo conferiva lo scatto indimenticabile, la commozione, la bellezza a tutta la superficie del film. I fratelli Dardenne, registi di Rosetta, non hanno questa grazia. Sono straordinariamente coerenti, ma la loro coerenza alla fine rischia di togliere il respiro al film. La seconda differenza invece appartiene al contesto. Sociologicamente parlando, il mondo di Rosetta non è più il mondo Mouchette, il più celebre personaggio di Bresson. È un mondo più ricco e più crudele, più fortunato e più cinico, più libero e più livoroso. Rosetta probabilmente vorrebbe essere toccata da un bressoniano lampo di luce, ma la realtà intorno è inerte, muta, spenta. Non c’è nessuno sguardo diverso che si ponga su di lei. Il mondo di Rosetta è un mondo intollerabile, per certi versi insostenibile. Ma qui sta la grandezza del film. Perché sbatte in faccia a quel mondo stesso i suoi fallimenti, le sue atrocità. Perché rovina la festa di questa idiota euforia diffusa dai trionfi del libero mercato. Rosetta è una figlia di quel mondo. Conoscetela e poi diteci se un mondo così non andrebbe davvero preso a calci. E invece tutti lo adulano…

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.