A Baku c’è perfino un “parco dei trofei” dove si coltiva l’odio verso gli armeni

Che cosa aspetta la comunità internazionale a tutelare il battito del cuore del popolo armeno oppresso da azeri e turchi? Chi impedirà il prossimo genocidio?

Bambina gioca con manichino di militare armeno nel "Parco dei trofei" della guerra nel Nagorno-Karabakh a Baku, Azerbaigian

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.