«Quanto ad amore all’Iraq, noi cristiani siamo maggioranza»

L’orgoglio di monsignor Moshe, arcivescovo siro-cattolico di Mosul: «Non conta se siamo rimasti in pochi. Siamo qui da sempre. E la nostra presenza è vitale per questa terra»

L’arcivescovo Youhanna Boutros Moshe mentre celebra Messa

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.