Voi non lo sentite l’urlo di dolore che arriva dall’Armenia?

Nell’impalpabilità dell’Unione Europea, l’Italia non sa più nemmeno che ruolo positivo può avere per la pace nel Nagorno-Karabakh, in Medio Oriente e in altri fronti caldi

Soldato armeno prega davanti a una croce a Martakert, Nagorno-Karabakh

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.