Flannery O’Connor, la scrittrice che faceva a cazzotti con l’angelo

La prima biografia italiana su Flannery O’Connor regala l’immagine di una donna che sin dall’infanzia voleva «vivere, non funzionare». L’amore per «la realtà suprema dell’Incarnazione» e l’idiosincrasia verso il vaporoso mondo dei salotti. Da leggere e tenere sul comodino

Immagine di Flannery O'Connor tratta dal film "Flannery"

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.