«Quando tornerò, sarà per impiccarti». Il diario della persecuzione di Asia Bibi

La donna che ha rischiato l’esecuzione per blasfemia in Pakistan ricorda l’incubo del primo giorno nella prigione dove è stata sbattuta per quasi 10 anni. La sua colpa? Essere cristiana

Proteste in Pakistan per l'assoluzione di Asia Bibi

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.