Ddl Zan. Il paradosso di un pensiero debole imposto a forza di sanzioni penali

Dubito che i reduci del ’68 gioiscano: proclamavano di combattere padroni e istituzioni, adesso la tutela delle loro conquiste è affidata a quelle toghe che mezzo secolo fa odiavano

Manifestazione Lgbt contro l'omofobia

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.