“Addio rivoluzione”, la testimonianza della nostra sconfitta

Il diavolo recensisce il “Requiem per gli anni Settanta” di Maurice Bignami. La prova che esiste un nocciolo duro del cuore che neanche il peggiore dei mali può penetrare

Maurice Bignami e Maria Teresa Conti durante il processo a Prima Linea

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.