«Ho la prova (cronometrica) dell’innocenza del cardinale George Pell»

Andrew Bolt, il giornalista (agnostico) più famoso d’Australia ci spiega perché è «impossibile» che il cardinale George Pell abbia potuto commettere gli abusi sessuali di cui è accusato. «È una caccia alle streghe in odio al cristianesimo e ai conservatori. Lui è un capro espiatorio»

Un murale in Australia contro il cardinale George Pell, accusato di pedofilia

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.