Sgarbi: «Insensato applicare la nostra morale ad artisti vissuti in altri tempi»

Intervista al critico d’arte Vittorio Sgarbi sull’ondata di censura che colpisce artisti e opere nel nome del politicamente corretto

Vittorio Sgarbi

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.