L’obiezione di coscienza al suicidio assistito non sia un altro recinto per i pro life

Sul suicidio assistito occorre evitare l’errore compiuto con la legge 194, dove l’obiezione di coscienza precluse ai medici obiettori ogni contatto con le donne, e rese i non obiettori dei meri esecutori di aborti

Paziente terminale assistito in un hospice

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.