Claire Freeman: «Se ci fosse l’eutanasia, oggi io sarei già morta»

Intervista alla modella tetraplegica neozelandese sulla sua drammatica storia. E sul motivo per cui ha deciso di mettere la faccia nella battaglia contro l’eutanasia

La modella neozelandese Claire Freeman

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Fai login in alto e leggi.