La colossale fake news sull’Ungheria sfuggita ai nuovi segugi della “verità”

L’idea (di sinistra) di mettere gli algoritmi a pattugliare il web è un’asineria buona per i soliti poterazzi. Il problema non sono le bugie a forma di scemenza, ma le verità a forma di correttezza politica

Viktor Orban, Emmanuel Macron e altri leader europei a Bruxelles

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.