«Il Belgio ha ucciso mia madre»

La fine sconvolgente di Godelieva de Troyer, soppressa a Bruxelles
per una diagnosi di «stress psicologico» senza troppe domande e senza nemmeno avvisare la famiglia.

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.