A sei mesi dal D-day del suicidio assistito ancora non si vedono segnali di vita

Nel “che fare” potrebbe rientrare una risposta di resistenza da parte delle Camere. Una risposta che muova in direzione opposta alla deriva eutanasica

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Fai login in alto e leggi.