Andi Suparman, un “folle di Dio” che libera i matti dalle catene

La malattia, il sogno e il voto di dedicare la propria vita ai bisognosi. Storia del camilliano indonesiano che libera i malati mentali dai ceppi e costruisce per loro rifugi in cui vivere dignitosamente senza nuocere a nessuno.

 

Contenuto riservato agli abbonati di Tempi. Per accedere alla pagina è necessario abbonarsi.

 

Sei già abbonato? Clicca sul pulsante “Accedi” in cima a questa pagina, inserisci le tue credenziali (indirizzo email e password) e continua a leggere.