Google+

Quando i tedeschi eravamo noi (finché non ci siamo immolati sull’altare dell’Europa)

settembre 27, 2015 Pier Giacomo Ghirardini

Piccole e medie imprese (spesso possedute da una famiglia) con forti legami con le comunità locali che si specializzano e si innovano producendo prodotti di nicchia di alta qualità

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Il mercato del lavoro tedesco è il migliore d’Europa. Una terra promessa che conta, secondo il dato Eurostat più recente (secondo trimestre 2015), qualcosa come 1 milione 58 mila 772 posti di lavoro vacanti. E ciò spiega perché migliaia, decine di migliaia di profughi e migranti (forse centinaia di migliaia in futuro), si incolonnano in un’epica anabasi che finirà non al grido «Thalassa! Thalassa!» dei compagni di Senofonte, ma con un altrettanto liberatorio «Germany! Germany!».

Bella forza: quali paesi europei possono vantare colossi come Bmw, Bosch, Mercedes, Sap o Siemens? No, il successo della Germania è in realtà la rivincita della sua caparbietà nel restare un’economia manifatturiera altamente regolata e coordinata, mantenendo vive e attuali le sue radici artigianali nella Mittelstand: piccole e medie imprese (spesso possedute da una famiglia) con forti legami con le comunità locali che si specializzano e si innovano producendo prodotti di nicchia di alta qualità. Stabili nei loro legami con le scuole, le banche (cooperative) locali, le grandi imprese, l’apprendistato e la comunità allargata – il loro vero vantaggio concorrenziale.

Una competitività non basata sul prezzo, ma che si è dispiegata in prodotti dal solido design, elevata qualità, innovazione e complessità tecnologica e affidabilità. È per questo motivo che il numero maggiore degli attuali posti vacanti in Germania (ben 397.131) si concentra nelle attività professionali, scientifiche e tecniche e nei servizi avanzati alle imprese. A queste imprese. Un modello dove chi lavora ha tutto l’interesse a stare concentrato e usare la testa. Perché si è squadra, comunità, si ha tutto da imparare e guadagnare. Non perché qualcuno ti controlla le pause pipì.

Ma scusate, questo non vi ricorda qualcosa? Ma questo modello – fatte le debite proporzioni, certo – non è quello che ha caratterizzato la fase più felice dello sviluppo di regioni come la Lombardia, l’Emilia-Romagna e il Veneto? Che quando crescevano di alcuni punti percentuali più della media nazionale venivano irrise dagli stessi vati dell’economia globalizzata che oggi esultano per la crescita dello zero virgola? Non era forse questo l’embrione di federalismo, di reale radicamento e di prossimità delle istituzioni alla società e all’economia, che l’attuale neocentralismo sta sacrificando sull’altare del patto di bilancio europeo? Ma siamo matti? Pensiamo a questo, mentre ci incamminiamo verso la Porta di Brandeburgo – o, tutt’al più, al valico di Brogeda.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. antonio says:

    nessun commento . dove sono quelli che L’EURO E’ IRREVERSIBILE? avete distrutto una nazione. vergognatevi.

  2. Filippo81 says:

    Interessantissimo articolo.

  3. recarlos79 says:

    i tedeschi non hanno i vigili urbani che fanno carte false per fare a casa il 31 dicembre senza che nessuno dice nulla. né gli scioperi al colosseo con la folla dietro i cancelli e gli scioperai che ne rivendicano il diritto. non hanno imprese morte ma tenute in vita per fare campagna elettorale.
    e come dice l’autore un sistema scolastico adeguato, non il nostro stipendificio. ecco la differenza.

  4. dodi says:

    ….piccole imprese fam. forse i tedeschi non sono tartassati come noi da stato,regione,provincia,enti inutili,corporazioni…forse…..

  5. Jens says:

    Vada come vada, ci riprenderemo solo nel momento in cui riprenderemo pieno possesso della sovranità monetaria. Senza quella non si va da nessuna parte.

  6. Orazio Pecci says:

    “regioni come la Lombardia, l’Emilia-Romagna e il Veneto”?
    E il dipartimento calzaturiero delle Marche centromeridionali? Un impero basato sulle imprese a conduzione familiare, ora smembrato e in ginocchio?
    E il “Miracolo Val Vibrata”, in provincia di Teramo, se lo ricorda più nessuno?

  7. Giovanni Passali says:

    All’origine della prosperità economica tedesca c’è…. la svalutazione!
    Infatti, se noi uscendo dall’Euro avremmo una moneta svalutata, loro avrebbero una moneta enormemente rivalutata, che bloccherebbe istantaneamente le loro esportazioni perché (come dovrebbero essere) troppo care.
    E mentre loro si avvantaggiano di una moneta fin troppo svalutata per la loro economia, noi ci troviamo svantaggiati per una moneta per noi troppo rivalutata.
    Non a caso, alla fine degli anni 90 noi crescevamo mentre la Germania era il grande malato d’Europa. Poi si sono approfittati del loro potere per violare sistematicamente i Trattati di Maastricht con deficit sopra il limite. Oggi continuano a violarli avendo un surplus sopra i limite. I cricchi non cambiano mai e sono sempre imbroglioni.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il model year 2019 della roadster jap aggiunge 24 cv al 2 litri benzina e una serie di novità nella sicurezza. Per una roadster ancora più "jinba ittai"

L'articolo Mazda MX-5 2019, più cavalli e sicurezza proviene da RED Live.

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.

La Casa di Noale propone due motorette brillanti ed economiche: sono le Aprilia RX e SX 125, una enduro, l’altra motard, entrambe vendute a 4.020 euro.

L'articolo Prova Aprilia RX e SX 125, per i nuovi 16enni proviene da RED Live.