Google+

Piovesse, De Luca ladro

giugno 9, 2017 Peppe Rinaldi

La pioggia di comunicati stampa del gruppo di fedelissimi di Di Maio e Fico contro il governatore della Campagna

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – È tutto in quei “De Luca ci dicesse”, “De Luca lo spiegasse”, “De Luca la smettesse” e “De Luca andasse” il primo ostacolo da superare quando ben ti disponi verso i segni dell’avanzata post murattiana a 5 Stelle in Campania: proprio là dove le continue esortazioni al governatore della seconda regione d’Italia vengono affidate al congiuntivo meno rassicurante. Con effetti autoevidenti, in una regione, peraltro, rimasta tendenzialmente sanfedista.

Il secondo ostacolo, dinanzi alla pioggia di comunicati stampa del gruppo di fedelissimi di Di Maio e Fico, rischia invece di mettere in crisi principi consolidati. Qui, ad esempio, con Barney Panofsky, si pensa che «tempo da perdere con sciamani, dottori e psichiatri non ce n’è. Shakespeare, Tolstoj, perfino Dickens, hanno capito dell’animo umano più di quanto sia capitato a tutti voi insieme». Sarà il caso di rivederla questa convinzione. Non ti spieghi, infatti, cosa ci sia all’origine dell’ossessione nei confronti dell’ex sindaco di Salerno (accusato contemporaneamente di favorire e trascurare l’area di provenienza) patita dalla truppa guidata da Valeria Ciarambino, spumeggiante capogruppo grillino, già “chiattona” nelle celebri parole del cattivissimo presidente allorquando egli fu infastidito da schiamazzi a 5 stelle durante il rituale incontro collettivo – il presidente non rilascia interviste ad personam, almeno non ancora – con la stampa.

Ed è qui che andrebbero rivalutati, se non medici e psichiatri, almeno gli sciamani per fornire il supporto necessario a capire cosa alimenti il motore della macchina che spara ogni giorno – e tutti i santi giorni – un numero imprecisato di comunicati e note stampa su qualsiasi cosa, praticamente su tutto. Con una traccia di fondo, meno criptica di quanto appaia, sintassi a parte: De Luca è un delinquente, un tiranno, un camorrista, un affamatore di popolo, un baro, la casta personificata. E molto altro. Legittimo esercizio dell’opposizione politica? Sicuramente, ma è la qualità all’origine ciò che colpisce, se è vero che «ciascun dal proprio cuor l’altrui misura». E qui, il cuore impazzisce, frenetico com’è costretto a farsi dalla mitragliatrice che scarica editti con maniacale precisione e surreale abbondanza. Tempi s’è fatto un giro, diciamo, tra il meglio offerto negli ultimi mesi dagli uomini della Casaleggio srl in consiglio regionale, immergendosi nel mare della produzione mediatica diretta agli organi di informazione. Traendone una prima morale: che al governatore della Campania, al di là di come la si pensi sul personaggio, un pensiero vada rivolto immaginandolo alle prese (anche) con l’altro dispetto della Storia incarnato dal sindaco di Napoli. Stateci voi con de Magistris da un lato e i grillini dall’altro. Per non dire di Rosy Bindi.

Barelle e bollette
Le altre sensazioni sono all’aria aperta, solari almeno quanto titoli e contenuti delle note del M5s campano, spesso asseritamente ispirate ora ad un articolo del Fatto quotidiano ora ad uno di Repubblica: sarà un caso, ma il 14 febbraio si dice con chiarezza di «essere il gruppo regionale che si rivolge di più alla magistratura e all’Anac». Alcuni lo chiamerebbero coming out. Dal pomodorino Sammarzano al distretto aerospaziale, dalla wi-fi che non prende alle barelle del Cardarelli, dai canili ai vaccini, dagli ultimi arresti di Woodcock alle bollette Enel: una nota per tutto e sempre lo stesso comune denominatore. Viene nominato un primario in un reparto ospedaliero? «De Luca offende la dignità dei campani. Lo spiegasse – sic, ndr – ai medici disoccupati» scrivono, tra altro, l’8 febbraio. Con un rimando al 20 successivo, dove, sullo stesso argomento, altrove di ordinaria amministrazione, si specifica che «il livello di degrado in cui De Luca sta precipitando le istituzioni non è più tollerabile». Sparano contro la vetrina della storica pasticceria Poppella, cuore del rione Sanità? Anche qui c’è qualcosa che De Luca dovrebbe fare, dire, organizzare, scontare: ad esempio, potenziare la videosorveglianza e, una volta fatto, sentirsi dire di pavoneggiarsi in passerelle e propaganda. Sbalzi di pressione.

La lobby dell’acqua
Certo, quando si trattò del presidente Pd, Stefano Graziano, seppellito da una montagna di letame per la nota storia del concorso esterno in associazione mafiosa (un “reato” che al sud può attingere chiunque), ritualmente evaporata al primo vaglio, i delegati dell’Onestà fecero una rotazione di 360 gradi, tornando al punto di partenza: scrissero il 24 febbraio di «prendere atto della doppia archiviazione» precisando subito dopo, e senza arrossire, che «il M5s non ha dato vita a nessuna feroce campagna mediatica». Loro rispondono solo ai cittadini.

Ma quando i cittadini, casualmente impiegati al Loreto Mare, vennero scoperti a fare i furbi con il marcatempo, fu a De Luca ricondotta la responsabilità, tenuto conto dello stesso tempo trascorso dall’inizio delle indagini e dall’insediamento a Palazzo Santa Lucia, «due anni in cui la Regione non ha esplicato (sic, ndr) i dovuti controlli». Quando andarono a fuoco alcune balle di rifiuti stoccati a Taverna del Re, nel volgere di qualche secondo (20 marzo) per i 5 Stelle furono evidenti «aspetti inquietanti e responsabilità di De Luca che continua a fare spot sulla pelle dei campani». Un uomo senza parola, un «presidente marziano» (30 marzo), in mano «alla lobby dell’acqua imbottigliata» (4 aprile), neologismo a 5 stelle per indicare la Coca Cola che paga canoni bassi per lo sfruttamento di alcune fonti: stavolta l’avevano saputo guardando Report. Proprio De Luca, lui che a Crozza confidò: «La Coca Cola, in Campania, l’ho portata io».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione della naked Yamaha MT-07 costa 6.790 euro f.c. ed è cambiata nella forma e (in parte) nella sostanza. Per continuare una storia di successo

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport – Touring per vocazione proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi