Google+

Più che di governo, una generale crisi di nervi

gennaio 1, 1999 Rold Da Gianluigi

Bocassa

La crisi di governo in Italia? Troppo semplice, praticamente impossibile. Non vogliamo andare per paradossi, ma quale altro “paese normale” reggerebbe a uno sconquasso politico, sociale ed economico come quello italiano? Diciamo così: la crisi in Italia è impossibile perchè lo stato di crisi è permanente, endemico, quindi “improclamabile”, perché fa parte perennemente del paesaggio. Delineiamo una fotografia del Paese, come quella che esce dal recente rapporto del Censis. Esiste una crisi della economia, una crisi d’identità nazionale, una crisi occupazionale. Già questo basterebbe a stroncare anche il Burundi. Nel consesso europeo, si fa per dire, siamo gli ultimi per sviluppo, crescita e inflazione.

Ma siamo solo a un quadro schematico di fondo. Le singole voci fanno venire i brividi alla schiena. Secondo alcuni osservatori stranieri siamo una specie di ripostiglio per rigattieri: abbiamo le università più scalcinate d’Europa, gli studenti più ignoranti, gli insegnanti più obsoleti. E via elencando: i trasporti pubblici italiani sono ormai un’avventura messicana, gli ospedali mettono i brividi. Poi potremmo parlare per circa vent’anni delle questioni giudiziarie, che ormai si accettano con una rassegnazione islamica o buddista, forse.

Qualcuno dice che resterebbe la vitalità culturale. E, a sentire queste cose, pensiamo quasi al suicidio di massa come il pastore americano Jim Jones. A ogni Natale esce uno squinternato film dei Vanzina, a cui si aggiungono i tormentoni di Pieraccioni e di Aldo, Giovanni e Giacomo. Da Visconti, Fellini, Rossellini e Antonioni siamo passati all’avanspettacolo di massa. Lo spettacolo editoriale e televisivo è ancora più esilarante. In un paese che legge pochissimo, trionfa la stupidera televisiva, diretta conseguenza della “calendarite” cronica: dopo la Ferilli e le altre, manca solo il calendario del sexy horror con la Bindi, in versione hard core, con Dini. Non c’è limite al peggio, dicevano i saggi. Può darsi che la crisi italiana sia talmente radicata, che ci vorrebbe il Big One a Ceppaloni per stabilire che Massimo D’Alema si debba veramente dimettere da Palazzo Chigi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.