Il tragico equivoco che non ci difende da nessun abuso

Basta aggirarsi nei siti più seguiti, constatare la teorizzazione continua della fatuità del piacere, che però è considerato l’unico bene eterno, con la rincorsa spasmodica dell’attimo fuggente. L’altro/a? Non esiste.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •