Google+

Perché gli aspiranti leader democratici arriveranno comunque tutti terzi

aprile 29, 2017 Pietrangelo Buttafuoco

Da un lato c’è Grillo, dall’altro Berlusconi. Populismo chiama populismo, forse, ma tra Di Battista e Fico, lì per i terzisti sinistri non c’è gara

primarie-pd-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Carta vince, carta perde. È il gioco delle tre carte. I tre candidati alle primarie del Pd – ovvero Matteo Renzi, Andrea Orlano e Michele Emiliano – arriveranno comunque tutti terzi perché la sinistra, in Italia, è già fuori gioco. Da un lato c’è Beppe Grillo, dall’altro Silvio Berlusconi. Populismo chiama populismo, forse, ma tra Di Battista e Fico, lì – e De Girolamo e Carfagna, là – per i terzisti sinistri non c’è gara. I populisti si prendono tutto il consenso e la finezza del riformismo va a farsi benedire.

Renzi ha consumato il vantaggio col referendum. I no hanno messo ko la narrazione. Lui diceva alla realtà, stai zitta sì o no? E quella ha più che risposto. La composta eleganza di Orlando non regge il confronto con la ricercatezza paesana di Di Maio sempre sul punto di fare la Prima Comunione. Emiliano, preso dalla fregola d’essere à la page si scorda di padre Pio per invocare don Milani e si ritrova bello che azzoppato. E il castigo arriva, infatti, non può più ballare la pizzica.

I telegiornali e la stampa intellettualmente più avvertita ne faranno un febbrile storytelling delle primarie del Pd, chi piace alla gente che piace andrà a scegliere tra i tre che però resteranno sempre in tre. Non ci saranno assembramenti ai gazebo delle primarie ma in fondo – tra i ludi cartacei – è l’unico con cui gli italiani possono illudersi di votare.

Non c’è presidente del Consiglio che abbia vinto le elezioni da ben quattro governi fa: in principio fu Mario Monti, quindi Enrico Letta, poi Matteo Renzi, infine Paolo Gentiloni-Silverj. Tutti nominati e mai passati al vaglio delle urne che prima o poi dovranno pur bussare al banco.

A proposito di urne. Lì, temibile, c’è Grillo. Là, inamovibile, c’è zio Silvio. E voi, dunque, dovendo scegliere, chi andrete a scegliere: carta vince/carta perde coi populisti o carta niente coi riformisti? Tertium non datur. È sempre lì: o lì o là. È la sentenza di Giufà.

Testo tratto dalla rubrica “Olì Olà” in onda su La7 durante Faccia a faccia, domenica in prima serata

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport Touring per vocazione proviene da RED Live.

Tutta nuova, la berlina del Leone graffia molto di più rispetto al passato. Perché è più corta e bassa, ha un design dinamico e la solita attenzione al look by Peugeot. La toccheremo con mano al prossimo Salone di Ginevra

L'articolo Nuova Peugeot 508, la berlina si fa bella proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi