Google+

Per una donna che a 91 anni non manca un’uscita pubblica può esistere uomo all’altezza?

maggio 19, 2017 Guia Soncini

Filippo comunica che non ne vuole più sapere. Dice che ormai va per i 96, è stanco, acciaccato, e ha diritto a riposarsi. Io sono attonita

elisabetta-filippo-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Cara Guia, sono furibonda. Ti prego di credermi: non è una cosa che mi accade spesso. Ho 91 anni e li ho trascorsi tutti a suscitare ammirazione per la mia calma anche nelle situazioni più difficili. E non sono mancate: senza stare a parlare delle guerre (ma che ne volete sapere voi, generazione che non ha avuto uno straccio di guerra mondiale), delle pestilenze, dei decessi (hai idea di quanta gente vedi morire, se campi 91 anni?), basterebbe ad additarmi come esempio di calma il contegno che ho mantenuto di fronte alle nuore.

I figli di madri troppo carismatiche escono inevitabilmente scemi; i miei son venuti così scemi che una nuora s’è fatta fotografare mentre un amante le ciucciava l’alluce, e l’altra è andata in tv a dire quanto l’avevano fatta piangere le corna. Sono passati decenni, ma se ci penso mi sembra ancora incredibile aver mantenuto la calma di fronte a quelle due sciamannate. Quando finalmente le smaniose mogli dei miei figli s’erano calmate o erano state sostituite da modelli socialmente più presentabili, ecco che ci si mette mio marito.

Filippo – si chiama così, il pelandrone – la settimana scorsa comunica che non ne vuole più sapere. Non di me, figuriamoci: dove vuoi che vada senza di me. No, lui ha deciso di divorziare dalle sue pubbliche mansioni, dal suo ruolo istituzionale, dal suo lavoro. Dice che ormai va per i 96, è stanco, acciaccato, e ha diritto a riposarsi.

Io sono attonita: ma ti pare? Io, che sono pure femmina (il sesso debole!), sono infaticabile, non manco a un impegno, non mi risparmio, vado a caccia e a cavallo come una giovincella; e lui vuole fare il pensionato sulle panchine del parco. Cosa crede di essere: italiano? Già, perché non ti ho detto il dettaglio migliore: è pure tedesco. Meno male che erano grandi lavoratori. Ora capisco da chi hanno preso quegli smidollati dei nostri figli.

Insomma, scrivo a te perché mi hanno detto che, benché siate un popolo di sfaccendati che pensa solo alla pausa pranzo e a trent’anni già passa le giornate a fare i calcoli della pensione online, forse lì in Italia potrebbe esserci la soluzione, la luce in fondo al tunnel, la via la verità e la vita: hai mica il numero di Elsa Fornero, così le chiedo di dargli una bella strigliata?
Elizabeth W.

Cara Elisabetta, la risposta è spalmata lungo 91 anni di te: ma quando mai, sesso debole. Probabilmente Filippo aveva 37 e 2, che come tutte sappiamo è temperatura con cui gli uomini si mettono a letto e fanno testamento. Se poi gli è cresciuta fino a 37 e mezzo, è normale che abbia pensato di dare l’addio alle attività terrene; anzi, strano non abbia colto l’occasione per confessarti cose da letto di morte, tipo quante volte ti ha tradito con la servitù e quante con tua sorella: in genere l’esemplare maschio della specie umana fa queste rivelazioni quando sente d’essere allo stremo delle forze, a causa di gravi malanni quali un’unghia incarnita.

Sono certa, cara Betty, che tu a 96 anni sarai ancora lì che porti fuori i cani indossando tailleur impeccabili, ma non puoi aspettarti che un uomo sia alla tua altezza: è, appunto, un uomo.

A questo proposito, visto che fra i tanti hanno anche il difetto dell’orgoglio, mi viene un dubbio che mi permetto di formularti. Nella tua lettera non fai cenno al recente teleromanzo che ha raccontato le vostre giovinezze. Sorvoli perché pratichi il basso profilo e non vuoi farmi sapere che siete gente mediamente nota e le cui vite vengono saccheggiate dalla serialità televisiva, lo so. Tuttavia, sospetto che lì possa esserci la chiave del prepensionamento di tuo marito. Quello sceneggiato, se posso permettermi d’essere brutale, lo ritraeva come un perfetto coglione. Non sarà che, offeso, ha deciso di ritirarsi dalle scene per dispetto? Sai come sono vanitosi.

In quel caso, per ottenere che non vada a impigrirsi dando da mangiare ai piccioni, basterà mentirgli: digli che nelle prossime stagioni il personaggio a lui ispirato diverrà
intelligentissimo. Tanto credono a tutto, lo sai.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Marbella (Spagna) – La Yamaha più venduta ha le forme essenziali ma non prive di fascino della MT-07. Lanciata nel 2014, ha inanellato record dopo record, totalizzando oltre 120.000 pezzi consegnati. L’Europa è il suo mercato d’elezione, ma anche gli Stati Uniti fanno la loro parte. A quattro anni dall’esordio, la MT-07 cambia più nella […]

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport – Touring per vocazione proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi