Papa Francesco: «Andate controcorrente. Non abbiate paura del martirio»

«Abbiamo ricevuto la grazia di incontrare Cristo gratuitamente; dobbiamo darla, gratuitamente. Questo è martirio. Andate a mostrare il nostro amore che è l’amore di Dio»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

«Non abbiate paura di andare controcorrente quando ci vogliono rubare la speranza, quando ci propongono valori avariati che ci fanno male. Dobbiamo andare controcorrente! E voi giovani, siate i primi: andate controcorrente e siatene fieri».

Sono queste le parole del Santo Padre a commento del Vangelo quotidiano. Ma c’è di più, perché nella lettura Gesù indica concretamente cosa fare: «Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze». «Questo si chiama si chiama martirio», ha spiegato il Pontefice. «Fare la lotta, tutti i giorni, per testimoniare. Questo è martirio. E ad alcuni il Signore chiede il martirio della vita. Ma c’è il martirio di tutti i giorni, di tutte le ore: la testimonianza contro lo spirito del male che non vuole che noi siamo evangelizzatori. Una lotta contro la tristezza, contro l’amarezza, contro il pessimismo. Seminare non è facile ma è bello raccogliere».
E la Chiesa vanta innumerevoli e luminose figure di “seminatori”. «In duemila anni sono una schiera immensa gli uomini e le donne che hanno sacrificato la vita per rimanere fedeli a Gesù Cristo e al suo Vangelo. E oggi, in tante parti del mondo, ci sono tanti martiri, più che nei primi secoli, che danno la propria vita per Cristo, che sono portati alla morte perché non rinnegano Gesù Cristo».

L’unica cosa che chiede Gesù è dunque di essere accolto e di non essere taciuto. Questo implica l’andare, l’uscire fuori da se stessi per cercare le periferie materiali ed esistenziali. Una volta incontrato il Signore, è impossibile tenere per sé la grazia ricevuta: «Noi abbiamo ricevuto questa grazia gratuitamente; dobbiamo darla, gratuitamente. E questo è quello che, alla fine, voglio dirvi. Non avere paura dell’amore di Dio. Non avere paura di ricevere la grazia di Gesù Cristo, non avere paura della nostra libertà che viene data dalla grazia di Gesù Cristo. Non avere paura della grazia, non avere paura di uscire da noi stessi, non avere paura di uscire dalle nostre comunità cristiane per andare a trovare le 99 che non sono a casa. Andate a mostrare il nostro amore che è l’amore di Dio».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •