Google+

Odio i mostri e soprattutto quelli che li sbattono in prima pagina

ottobre 25, 2017 Fred Perri

Non discuto le vittime, chi è stato danneggiato personalmente e non ha avuto il coraggio di ribellarsi, perché una vittima è una vittima e sono convinto che dal prossimo si possa esigere tutto, ma non il coraggio

milan inter ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Odio i processi sommari, quelli a mezzo stampa (in qualsiasi forma si manifesti), le rivelazioni fuori tempo massimo, le testimonianze uscite dai cassetti dell’oblio (toh), le precisazioni mai precisate per anni e poi sbattute lì con nonchalance. Non discuto le vittime, chi è stato danneggiato personalmente e non ha avuto il coraggio di ribellarsi, perché una vittima è una vittima e sono convinto che dal prossimo si possa esigere tutto, ma non il coraggio. Soprattutto non possono pretenderlo quelli che non si sono mai trovati nella medesima situazione.

Odio quelli che fanno i partigiani senza avere i nazisti al culo. Non mi piacciono quelli che adesso affermano: avevamo sempre saputo tutto. Però non avevano detto una cippa al momento giusto, erano rimasti muti e plaudenti.

Odio quelli che prima erano genuflessi al passaggio, oppure a bordo, del carro del vincitore, a cantare lodi con cimbali e ora urlano contumelie, tricoteuses non richieste con il loro lavoro a maglia e le loro cuffiette ridicole ad aspettare che la testa rotoli per lanciare i loro sghignazzi osceni. Odio quelli che prendono le distanze, che fanno finta di non aver mai frequentato, di non aver mai omaggiato, di non aver mai condiviso.

Non mi piacciono i mostri, ma soprattutto non sopporto quelli che li sbattono in prima pagina, goduti. Cosa? No, non sto parlando di Harvey Weinstein, ma di Leo Bonucci. Povero.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.

È l'outfit scelto dal campione Fabian Cancellara. Composto da maglia e salopette corta+ è disponibile a partire da 89,95 euro

L'articolo Gore C5 Optiline proviene da RED Live.

Costruito in Cina, non è solo mastodontico e pressoché indistruttibile, ma anche costosissimo. La meccanica è quella di un pick-up Ford mentre l'obiettivo è quello di conquistare i facoltosi petrolieri arabi o i magnati russi e cinesi

L'articolo Karlmann King <br> il SUV indistruttibile più caro del mondo proviene da RED Live.

Anlas, azienda di pneumatici turca nata nel 1974, presenta le sue prime gomme dedicate all’enduro estremo. Si chiamano Anlas Capra Extreme e rispettano il regolamento FIM.

L'articolo Anlas Capra Extreme, per correre in enduro proviene da RED Live.