Google+

O è atto d’amore. O non c’è teatro

ottobre 13, 1999 Susanna Manerba

ComMedia di Susanna Manerba

In questi ultimi anni il teatro si trova in una situazione di stallo, di esaurimento di idee e di forme. Alcuni degli esperimenti più interessanti che si sono visti la scorsa stagione riguardano situazioni di commistione tra generi e linguaggi diversi: ad esempio tra teatro e intervento nel sociale. Questa contaminazione è nata quando i teatranti hanno guardato quello che avveniva sulla scena non soltanto come segno di qualcos’altro, ma come azione fatta da persone. L’attore è riconosciuto come persona. Grotowski, il maestro di cui piangiamo la scomparsa, da anni dava maggior rilievo al processo di trasformazione attuato dagli attori rispetto alle prove in vista dello spettacolo. Il suo lavoro cercava di andare al fondo, all’origine di ogni gesto, di ogni azione, di ogni uomo. Tanto da arrivare a non mettere più in scena nessun spettacolo: il suo interesse era altrove. Contemporaneamente negli anni Sessanta il cosiddetto teatro delle avanguardie esce dagli edifici teatrali, dai luoghi deputati e trasforma lo spettacolo in esperienza esistenziale da donare a quelle zone della società in cui i rapporti e la sopravvivenza sono più delicati. Anche il pubblico è ricosciuto essere un’entità composta di persone. Il linguaggio teatrale viene allora utilizzato per elaborare la sofferenza degli emarginati: la convinzione che soggiace a questo metodo è che il teatro possa rispondere a certe esigenze umane perché in grado di guardare in faccia il dolore, il male e, attraverso il suo linguaggio, farlo rivivere e in un certo senso superare.

Questo è quello che si intuisce oggi guardando spettacoli come “Barboni o Guerra” di Pippo Del Bono o “Laida da tre soldi” di Danis Gaita. C’è una grande forza che si sprigiona durante queste rappresentazioni, la forza del diverso che trova un linguaggio per comunicare pur restando se stesso. Ma un problema emerge: il teatro non può essere ridotto a metodo, a cura. Può anche svolgere questa funzione, ma innanzitutto il teatro è parola detta, un atto d’amore, un’esperienza che diventa condivisibile dagli spettatori. Se questa esperienza non ha sostanza, contenuti, allora il teatro troverà difficilmente idee e forme nuove.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.

L’originale tre ruote Piaggio compie 70 anni e li festeggia con un grande raduno a Salsomaggiore Terme. Le iscrizioni sono aperte

L'articolo Euro Ape 2018, dal 21 al 23 settembre 2018. Info e iscrizioni proviene da RED Live.