Nella Francia del gender la matematica è un’opinione. Negli esercizi le persone «cambiano genere ogni giorno»

In un libro di matematica per liceo della collana Hachette, un problema comincia così: «Gli abitanti del pianeta Herma possono scegliere ogni giorno il loro genere: maschio (M) o femmina (F)»

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

manuale-gender-francia-matematicaChe la teoria di genere sia ormai di casa nelle scuole francesi lo si capisce dalle piccole cose. Non c’è bisogno di andare a spulciare il programma governativo ABCD dell’uguaglianza o le dichiarazioni di Hollande e soci. Basta aprire un comune libro di matematica, come il “Maths repères” della collana Hachette per l’ultimo anno di liceo scientifico, e leggere gli esercizi che chiedono agli alunni di calcolare quante probabilità abbiano gli abitanti di un immaginario pianeta “Herma” di cambiare genere da maschio a femmina e viceversa.

IL PIANETA HERMA. Non ci credete? Ecco cosa chiede agli alunni il problema numero 132: «Gli abitanti del pianeta Herma possono scegliere ogni giorno il loro genere: maschio (M) o femmina (F). Si osservi come ogni giorno un terzo degli hermiti che aveva il genere maschile scelga il genere femminile il giorno successivo e come un quarto di quelli che avevano il genere femminile scelga il genere maschile il giorno dopo».

hachette-francia-matematica-genderPROBABILITÀ. Quindi, continua il problema impegnato socialmente, «si consideri la variabile aleatoria Xn che dà il genere di un abitante di Herma nel giorno n». Domande: «1) Rappresentare la situazione con un grafico e scrivere la matrice di transizione T associata. 2) Con l’aiuto di una calcolatrice, calcolare T alla decima. Qual è la probabilità che un abitante di Herma, il cui genere fosse inizialmente femminile, resti femmina dopo 10 giorni?».

LA MATEMATICA È UN’OPINIONE. Gli istruttivi quesiti di matematica sono stati indicati da un genitore al sito VigiGender, istituito dalla Manif pour tous per monitorare l’introduzione subdola dell’ideologia di genere nelle scuole francesi e per evitare che la Francia diventi come il pianeta Herma. Scrive il genitore: «Si sarebbe potuto pensare che almeno l’insegnamento della matematica sarebbe stato risparmiato». E invece no, perché a Parigi anche la matematica è diventata un’opinione.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •