Google+

Londra, attacco contro i musulmani nel «nido del jihadismo britannico»

giugno 19, 2017 Redazione

Nella notte un uomo di 48 anni si è lanciato con un furgone su un gruppo di persone fuori dalla moschea di Finsbury Park gridando: «Voglio uccidere i musulmani». Un uomo è morto

Van hits several pedestrians near Finsbury Park mosque in north London

«Voglio uccidere i musulmani». Così avrebbe gridato l’uomo che nella notte si è lanciato con un furgone a Londra su un gruppo di fedeli davanti a una moschea a Finsbury Park. Un musulmano è morto nell’attacco, altri sono rimasti feriti e la polizia sta verificando se si tratti di un attentato terroristico.

L’INTERVENTO DELL’IMAM. L’attacco è avvenuto a Seven Sisters Road, in una zona dove ci sono almeno quattro moschee, al termine del taraweeh, le preghiere che si fanno a tarda notte durante il mese sacro del Ramadan. La polizia ha arrestato un uomo di 48 anni, che è stato bloccato dalla folla e buttato a terra. Se l’uomo non è stato linciato è grazie all’imam Mohammed Mahmoud. Secondo la Muslim Welfare House, è lui che «ha aiutato a calmare la situazione dopo l’incidente e a impedire ulteriori danni e perdite di vite».

NIDO DEL JIHADISMO. Nell’analisi di Repubblica, si fa notare come il luogo dell’attacco non sia casuale. «Dal 1994 Finsbury Park è il nido del jihadismo britannico. Un centro di preghiera gestito da imam radicali, che hanno arruolato giovani con il passaporto inglese per combattere contro i serbi in Bosnia e poi per raggiungere i campi d’addestramento qaedisti in Afghanistan. Nel 2003 il centro religioso venne chiuso dopo l’intervento della polizia, poi dopo due anni ne è stata permessa la riapertura con la gestione affidata a imam moderati, aderenti al piano di dialogo con le istituzioni creato dal governo britannico. Ma nell’immaginario collettivo quella moschea e quel quartiere sono rimasti simbolo della diffusione di un credo radicale che spinge verso la guerra santa».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.