Google+

Il problema di spiegare Anna Frank nei nostri stadi

ottobre 30, 2017 Fred Perri

Su una cosa il noto gaffeur Lotito ha ragione. “Famo sta sceneggiata”. Sanno di farsa, la lettura del Diario prima delle partite

'No all'antisemitismo',Lazio a Bologna con maglia Anna Frank

Non ho mai letto il Diario di Anna Frank. E neanche Il Ponte sulla Drina di Ivo Andric, evocato da Mihajlovic. Confesso che mi dispiace di più per il secondo. Il Diario di Anna Frank ha un grande valore simbolico, di cui colgo comunque il valore di testimonianza di una immane tragedia. Chi ci scherza o chi la usa per offendere “il nemico” merita che gli capitino le peggio cose.

Però siamo alle solite. Non è certo da ieri che gli stadi italiani sono pieni di gaglioffi bercianti. Ricordo che, 25 anni fa, a un collega, accusato di aver raccontato un episodio poco edificante di cui erano stati protagonisti, gli ultrà cantarono: “Tu sei il capo degli ebrei”. Carini.

Gli ebrei non sono gli unici a subire le flatulenze dei cialtroni. Sono solo quelli per cui si infiamma l’indignazione collettiva. Per l’Olocausto. Per gli ebrei che abitano uno Stato chiamato Israele s’infiamma un po’ meno, anzi nulla.

Su una cosa il noto gaffeur Lotito ha ragione. “Famo sta sceneggiata”. Sanno di farsa, la lettura del Diario prima delle partite; le magliette con il volto di Anna Frank sulle maglie dei giocatori, costretti a un rito di cui capiscono poco o nulla; i giornalisti che partono alla carica chiedendo: “Hai letto Anna Frank? Sai chi era Anna Frank?”.

Infatti è già finito tutto. Il problema non è spiegare a costoro Anna Frank, è “spiegargli” (capisci a me) che se ne devono andare dai nostri stadi.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sinuosa, sensuale, e con l’allure di chi ama farsi notare la E 220 Coupè CDi è sportiva più nell’aspetto che nella guida. Ottimo (e poco assetato) il motore, grande spazio e comfort per gli occupanti

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi Coupè proviene da RED Live.

La seconda generazione della naked Yamaha MT-07 costa 6.790 euro f.c. ed è cambiata nella forma e (in parte) nella sostanza. Per continuare una storia di successo

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi