Google+

La Corea del Nord minaccia l’Apocalisse ma vuole sopravvivere, non suicidarsi

luglio 7, 2017 Leone Grotti

Per la prima volta Kim Jong-un ha testato un missile intercontinentale con probabile successo, ma la tecnologia non è ancora sufficiente per colpire gli Usa e l’obiettivo del regime è la deterrenza

This photo distributed by the North Korean government shows what was said to be the launch of a Hwasong-14 intercontinental ballistic missile, ICBM, in North Korea's northwest, Tuesday, July 4, 2017. Independent journalists were not given access to cover the event depicted in this photo. North Korea claimed to have tested its first intercontinental ballistic missile in a launch Tuesday, a potential game-changing development in its push to militarily challenge Washington — but a declaration that conflicts with earlier South Korean and U.S. assessments that it had an intermediate range. (Korean Central News Agency/Korea News Service via AP)

Per la prima volta la Corea del Nord ha sperimentato con successo il lancio di un missile intercontinentale (Icbm) che, secondo le dichiarazioni del regime comunista, sarebbe in grado di raggiungere gli Stati Uniti. L’ennesimo test condotto in violazione delle risoluzioni Onu ha allarmato tutto il mondo ma parlare di guerra imminente è prematuro, se si considera qual è il vero scopo del programma nucleare e missilistico nordcoreano.

TEST MISSILISTICI. Dall’inizio dell’anno Pyongyang ha condotto 14 test missilistici, un dato che non si discosta molto dai 24 lanci del 2016. Fino ad oggi, Kim Jong-un aveva dimostrato di essere in grado di colpire il Giappone, la Corea del Sud e basi americane nel Pacifico come quella di Iwakuni in Giappone, dove risiedono circa 10 mila soldati americani, o quella di Guam grazie al missile balistico a medio raggio (Hwasong 12) testato per la prima volta il 14 maggio.

ALASKA VULNERABILE. Il test di martedì 4 luglio, che ha visto il lancio di un Hwasong 14, il primo del genere, potrebbe permettere invece a Kim di colpire l’Alaska o le Hawaii. Ma non è così semplice. Come affermano i più grandi esperti sull’arsenale nordcoreano, come il tedesco Markus Schiller, prima di potere davvero usare questo missile per un attacco con la certezza di un successo «servirebbero almeno un’altra dozzina di lanci e una decina d’anni». Pyongyang infatti, aggiunge parlando all’Associated Press, non può certo rischiare che un missile sul quale dovrebbe essere montata una testata nucleare possa esplodere alla partenza. Altri esperti, però, parlano invece di un paio d’anni appena.

DUBBI E PROBLEMI. Anche la capacità di miniaturizzare una testata nucleare – Pyongyang ne ha all’incirca una ventina – non è ancora una tecnologia nelle disponibilità del regime e servirà tempo per svilupparla. Infine, non è ancora chiaro quale distanza potrebbe raggiungere il Hwasong 14: se un Icbm normalmente percorre almeno 5.500 km di distanza, bisogna considerare che l’Alaska dista 5.700 km dalla Corea del Nord, le Hawaii 7.500, mentre le principali città americane dagli 8.000 ai 12.000 km. Non è scontato che il missile nordcoreano possa raggiungere una simile distanza.

This image made from video of a news bulletin aired by North Korea's KRT on Tuesday, July 4, 2017, shows what was said to be North Korea leader Kim Jung Un, center, using binoculars to watch the launch of a Hwasong-14 intercontinental ballistic missile, ICBM, in North Korea's northwest. Independent journalists were not given access to cover the event depicted in this photo. North Korea claimed to have tested its first intercontinental ballistic missile in a launch Tuesday, a potential game-changing development in its push to militarily challenge Washington — but a declaration that conflicts with earlier South Korean and U.S. assessments that it had an intermediate range. (KRT via AP Video)

NUCLEARE COME DETERRENTE. Se è vero dunque che l’arsenale della Corea del Nord è sempre più pericoloso, non è ancora tale da minacciare direttamente il suolo americano. E soprattutto, intimidazioni apocalittiche a parte, il regime ha sempre concepito il suo programma missilistico e nucleare come fondamentale per la sopravvivenza. Già il padre fondatore della patria Kim Il-sung, nonno dell’attuale Jong-un, aveva capito che per sopravvivere al potere aveva bisogno di due cose: 1) missili a corto, medio e lungo raggio per tenere sotto tiro Corea del Sud, Giappone e Stati Uniti; 2) testate nucleari che facessero da deterrente a un’eventuale invasione.

RESTARE AL POTERE. La ragion d’essere dei missili e delle atomiche è più difensiva che offensiva: serve a garantire, seguendo lo stesso ragionamento che dominava durante la Guerra Fredda, che Stati Uniti e altri avversari non compiano mai un attacco preventivo per timore delle conseguenze. Con questo non si vuole negare che Kim sogni ancora di riunire in futuro la Corea sotto l’egida comunista, ma solo sottolineare che il governo nordcoreano sa benissimo che non potrebbe sopravvivere dopo avere attaccato gli Stati Uniti o i suoi alleati nel Pacifico. Ecco perché è altamente improbabile che sia Kim a provocare una guerra attaccando per primo: il suo obiettivo nel breve e medio periodo è mantenere il potere, non suicidarsi.

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Marbella (Spagna) – La Yamaha più venduta ha le forme essenziali ma non prive di fascino della MT-07. Lanciata nel 2014, ha inanellato record dopo record, totalizzando oltre 120.000 pezzi consegnati. L’Europa è il suo mercato d’elezione, ma anche gli Stati Uniti fanno la loro parte. A quattro anni dall’esordio, la MT-07 cambia più nella […]

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport – Touring per vocazione proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi