Google+

La casta della toga fa tremare i polsi e non tocca più il cuore degli italiani

aprile 1, 2017 Pietrangelo Buttafuoco

Se un innocente finisce in galera, il giudice non paga perché la magistratura, grazie a Dio, non può sbagliare mai

toghe-pm-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Chi si guardò, si salvò. Un italiano su due non ha fiducia nella magistratura. Rispetto a Tangentopoli, quando i giudici erano portati in trionfo, oggi non sono più amati. E neppure venerati. Anzi!

L’ultimo sondaggio dell’Ispo certifica il declino di credibilità delle toghe. E ciò che un tempo si taceva, adesso è voce di popolo: se un malato muore, il chirurgo paga; se crolla un ponte, l’ingegnere paga; se un innocente finisce in galera, il giudice non paga perché la magistratura, grazie a Dio, non può sbagliare mai.

È la casta più casta che ci sia. A differenza di un generale di corpo d’armata; a differenza di un ambasciatore; a differenza di un signor prefetto – tutti alti funzionari dello Stato che possono essere spediti in ogni dove – il magistrato non può essere rimosso senza il proprio consenso.

Chi si guardò, si salvò.

A differenza dei politici da tutti sputacchiati, i magistrati che comunque hanno uno stipendio – per carità, a garanzia dell’autonomia – equiparato a quello dei senatori, sono giustamente intoccabili. Tanto è vero che a differenza degli altri pensionati costretti al contributo di solidarietà, i magistrati ne sono esentati con tanto di parere della Consulta, perché – si sa – Corte non mangia Corte. E non si paga!

La casta della toga vale più di una santa tonaca. Per questo Michele Emiliano, prestato alla politica, la sua carriera di pm non la lascia.

Casta più casta che ci sia, la magistratura non tocca più il cuore dell’opinione pubblica, anzi, fa tremare i polsi a tutti.

A proposito di polsi.

Voi, anzi, tu. Quale dei due italiani sei, quello che ha fiducia incondizionata nella magistratura, o quello che la fiducia ce l’ha, ma con la condizionale? Perché è sempre lì: o lì o là. Senza la sentenza di Giufà.

Testo tratto dalla rubrica “Olì Olà”in onda su La7 durante Faccia a faccia, domenica in prima serata

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.