Google+

La casta della toga fa tremare i polsi e non tocca più il cuore degli italiani

aprile 1, 2017 Pietrangelo Buttafuoco

Se un innocente finisce in galera, il giudice non paga perché la magistratura, grazie a Dio, non può sbagliare mai

toghe-pm-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Chi si guardò, si salvò. Un italiano su due non ha fiducia nella magistratura. Rispetto a Tangentopoli, quando i giudici erano portati in trionfo, oggi non sono più amati. E neppure venerati. Anzi!

L’ultimo sondaggio dell’Ispo certifica il declino di credibilità delle toghe. E ciò che un tempo si taceva, adesso è voce di popolo: se un malato muore, il chirurgo paga; se crolla un ponte, l’ingegnere paga; se un innocente finisce in galera, il giudice non paga perché la magistratura, grazie a Dio, non può sbagliare mai.

È la casta più casta che ci sia. A differenza di un generale di corpo d’armata; a differenza di un ambasciatore; a differenza di un signor prefetto – tutti alti funzionari dello Stato che possono essere spediti in ogni dove – il magistrato non può essere rimosso senza il proprio consenso.

Chi si guardò, si salvò.

A differenza dei politici da tutti sputacchiati, i magistrati che comunque hanno uno stipendio – per carità, a garanzia dell’autonomia – equiparato a quello dei senatori, sono giustamente intoccabili. Tanto è vero che a differenza degli altri pensionati costretti al contributo di solidarietà, i magistrati ne sono esentati con tanto di parere della Consulta, perché – si sa – Corte non mangia Corte. E non si paga!

La casta della toga vale più di una santa tonaca. Per questo Michele Emiliano, prestato alla politica, la sua carriera di pm non la lascia.

Casta più casta che ci sia, la magistratura non tocca più il cuore dell’opinione pubblica, anzi, fa tremare i polsi a tutti.

A proposito di polsi.

Voi, anzi, tu. Quale dei due italiani sei, quello che ha fiducia incondizionata nella magistratura, o quello che la fiducia ce l’ha, ma con la condizionale? Perché è sempre lì: o lì o là. Senza la sentenza di Giufà.

Testo tratto dalla rubrica “Olì Olà”in onda su La7 durante Faccia a faccia, domenica in prima serata

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Marbella (Spagna) – La Yamaha più venduta ha le forme essenziali ma non prive di fascino della MT-07. Lanciata nel 2014, ha inanellato record dopo record, totalizzando oltre 120.000 pezzi consegnati. L’Europa è il suo mercato d’elezione, ma anche gli Stati Uniti fanno la loro parte. A quattro anni dall’esordio, la MT-07 cambia più nella […]

L'articolo Prova Yamaha MT-07 my 2018 proviene da RED Live.

I primi dati e le foto ufficiali della wagon svedese. Che mira a diventare il nuovo punto di riferimento fra le familiari medie di lusso. Con un design senza fronzoli e tanta sicurezza. A Ginevra ne sapremo ancora di più

L'articolo Nuova Volvo V60 – la station che seduce proviene da RED Live.

Carburante artico e additivi specifici: ecco le soluzioni per scongiurare la formazione dei cristalli di paraffina ed evitare il congelamento del gasolio nelle giornate di grande gelo. Aggiungere benzina nel serbatoio? Una trovata ottima per cambiare motore!

L'articolo Come evitare il congelamento del gasolio proviene da RED Live.

Passano gli anni ma il tre cilindri della Triumph Speed Triple rimane una delle moto da bar tra le più gustose. Ha coppia e cavalli giusti, non è una moto rapida, ma ha un bell'avantreno e una ciclistica sportiva: 13.850 euro la S e 15.950 euro la RS

L'articolo Prova Triumph Speed Triple 1050 RS proviene da RED Live.

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, miglior comportamento sul bagnato, e più efficacia nella guida “spigliata” sono i punti chiave su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport – Touring per vocazione proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi