Google+

Ischia, Bertolaso: «Se costruisci un castello di carte, basta una scossa per farlo venire giù»

agosto 23, 2017 Francesca Parodi

«In nessun altro paese civilizzato e industrializzato un terremoto di questa intensità avrebbe provocato vittime e danni». Intervista all’ex capo della Protezione civile

terremoto ischia ansa

Davanti alle tragiche conseguenze del terremoto di lunedì 21 agosto a Ischia, gli esperti hanno fatto notare che i danni provocati erano eccessivi in rapporto all’intensità del sisma. La causa è la scarsa qualità dei materiali e delle tecniche con cui sono stati costruiti gli edifici. «Se costruisci un castello di carte è chiaro che basta la minima scossa per farlo venire giù. Le case a Ischia non rispettavano alcuna misura di sicurezza e il 50 per cento degli edifici erano abusivi» dice a tempi.it Guido Bertolaso, ex capo della Protezione civile. In effetti, secondo un rapporto del 2017 di Legambiente, la Campania è la prima regione della classifica in materia di abusivismo costiero e l’isola di Ischia è tra le quattro località con i peggiori e più numerosi abusi edilizi d’Italia. «Questo episodio ci deve ricoprire di vergogna davanti al mondo. In nessun altro paese civilizzato e industrializzato un terremoto di questa intensità avrebbe provocato le vittime e i danni che ha causato a Ischia».

FERMI ALLA CHIACCHIERE. L’Italia, si è sempre detto, è un paese ad alto rischio sismico, soprattutto nelle regioni centrali, per questo le misure di prevenzione e messa in sicurezza degli edifici dovrebbero essere una prassi obbligata e consolidata. Eppure, nonostante i numerosi terremoti che hanno costellato la storia del paese mietendo vittime e e provocando ingenti danni, sembra che l’Italia sia ancora lontana dall’adozione di queste misure. «Finora ci sono state solo dichiarazioni roboanti da parte dei politici, ma nessuna azione concreta. Bisognerebbe brindare se Palazzo Chigi stanziasse davvero dei fondi per la prevenzione ai terremoti, ma finora non si è visto nemmeno l’ombra di un finanziamento» dichiara Bertolaso. «In Italia è sempre stato così: dopo ogni tragedia, solo vuote promesse. C’è da scommettere che disastri del genere e conseguenti inutili dichiarazioni d’intenti si ripeteranno ancora». Bertolaso ritiene che ad oggi non si sia registrato il minimo progresso in fatto di prevenzione, nonostante le occasioni non siano mancate. «Se avessimo cominciato a mettere in sicurezza le varie località a rischio dopo il terremoto dell’Umbria e delle Marche o il sisma dell’Aquila, adesso saremmo qualche passo avanti, invece siamo sempre fermi alle chiacchiere».

EMERGENZA. Il risultato è che a risentirne sarà soprattutto l’economia dell’isola come conseguenza di una prevedibile caduta del flusso turistico. «Ischia sarà al collasso. La decisione di ignorare il problema, nonostante i numerosi segnali d’allarme, porta all’aumento di vittime e a ripercussioni economiche che non toccano solo gli abitanti di Ischia ma l’intero paese». A pagare quindi sarà l’intera comunità, anche per la ricostruzione degli edifici crollati. «Siamo davanti a uno dei più urgenti problemi nazionali, la messa in sicurezza dell’Italia, ma presto tutti torneranno ad anteporre altre priorità».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.