Google+

In un paese senza distinguo Gatlin avrebbe vinto. E basta

agosto 17, 2017 Fred Perri

Se si fosse pronunciato “Gatlén”, alla francese, adesso dall’altra parte delle Alpi starebbero a stappare lo champagne, a sparare i mortaretti e a urlare “W la France”

Gatlin-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Non c’è niente di peggio di un sogno collettivo che non si realizza. Un conto è l’individuo, un conto è la massa informe della “ggggente” che aspetta l’Evento che non arriva. Bolt doveva chiudere la sua avventura agonistica sui 100 metri con un oro ai Mondiali di Londra e invece spunta il reprobo Gatlin, 35 anni, cinque dei quali scontati per due condanne per doping. Il pubblico di Londra, il presidente dell’atletica mondiale, la stampa hanno fatto “buuu”. Tutti hanno celebrato Bolt, ma con l’incazzatura sotto pelle. Giusto, sbagliato, discutiamo? Non mi interessa. Quello che voglio dire è che se Gatlin fosse stato italiano, noi teste d’abbacchio saremmo stati i primi a dirci: eh, però, eh non so. Mi è tornata in mente la vicenda della testata di Zidane a Materazzi. Se fate un sondaggio nel nostro bel paese e chiedete al popolo chi dei due è meritorio di stima, non ci saranno dubbi, vincerà il Zizou per distacco. Ma se Gatlin si fosse pronunciato “Gatlén”, alla francese, adesso dall’altra parte delle Alpi starebbero a stappare lo champagne, a sparare i mortaretti e a urlare “W la France”. E lo farebbero anche in Germania, Spagna, Inghilterra. Gli stessi inglesi che hanno fatto i sostenuti su Gatlin, quando Christie, quattro anni prima sotto processo per doping, vinse l’oro a Barcellona illuminarono Buckingham Palace. Compagni, amici e bastardi di ogni genere e grado, per noi è tardi, ma i nostri figli mandiamoli in un paese senza distinguo, dove si apprezza il successo dei propri simili.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.

Si chiamano Sport Edition e Sport Edition2 le due nuove versioni della Renault Captur che la Casa francese ha presentato a Roma – presso la Fondazione Exclusiva del rione Testaccio – il 14 maggio. La data non è casuale, e coincide con l’apertura delle prenotazioni dell’edizione rivista in alcuni dettagli e arricchita di una delle […]

L'articolo Renault Captur: ora è Sport Edition, e anche “al quadrato” proviene da RED Live.

Momodesign continua a rinnovare la sua gamma di prodotti incentrata sui caschi, che sono diventati negli anni un acquisto irrinunciabile per scooteristi e motociclisti attenti alle tendenze e allo stile. Il nuovo jet open face fa intuire fin dal nome la sua vocazione: interpretare la contemporaneità del design con linee decise, che mantengono comunque assoluta […]

L'articolo Momodesign Blade Urban Wonder proviene da RED Live.