Google+

Il referendum no-triv è sbagliato. Astenersi è un diritto

aprile 15, 2016 Redazione

Panebianco sul Corriere e Romani sul Foglio danno valide ragioni per non andare a votare domenica. «Basta con questa “Italia del no”»

Si avvicina la data del cosiddetto referendum sulle trivelle (già il nome è fuorviante) e aumentano gli appelli al voto. O al non voto, come è stato fatto ieri da parte dell’ex capo dello Stato, Giorgio Napolitano, che in un’intervista a Repubblica ha spiegato che la posizione dell’astensione è pienamente legittima (correggendo, senza citarlo, il presidente della corte Costituzionale Paolo Grossi).
In realtà, a chi polemizza con gli “astensionisti” basterebbe ricordare che già altre volte e recentemente – i vescovi sul referendum del 2005 sulla legge 40, la sinistra bersaniana nel 2003 sull’articolo 18 – forze politiche e sociali del nostro paese hanno invitato a non votare.
Oggi, poi, a nostro parere, sono due gli interventi apparsi sulla stampa che meritano di essere segnalati: l’editoriale di Angelo Panebianco sul Corriere della Sera e quello di Paolo Romani, capogruppo di Forza Italia al Senato, ex ministro dello Sviluppo Economico, sul Foglio.

QUESTIONE DI QUORUM. «Evitiamo le ipocrisie – scrive Panebianco -: il risultato del referendum sulle trivelle di domenica dipende solo dal quorum. Se il quorum non ci sarà, fine dei giochi. Se ci sarà, i “sì” (stra)vinceranno. La ragione è semplice: tutti i fautori del “sì” voteranno, i fautori del “no”, invece, si divideranno fra votanti e astenuti. In queste condizioni, chiunque sia contrario a fermare le trivelle ha, secondo chi scrive, il diritto di astenersi. La controprova è che la schiacciante maggioranza dei nemici dell’astensione è favorevole al “sì”. Se si considera poi che molti fautori del “sì” sono disinteressati al quesito ma vogliono solo prendersela con il governo, è tanto più saggio “chiamarsi fuori”, astenersi».

VOTARE È UN DIRITTO O UN DOVERE? Il ragionamento di Panebianco poi tocca altre questioni come il “dovere” di votare. Che è tale negli «stati totalitari (dove si vota per il partito unico)», mentre è «solo un diritto» nelle democrazie. Ma nel caso dei referendum con quorum le opzioni in campo sono tre: «sì», «no», astensione. «Altre volte, in passato, ci sono stati appelli per l’astensione in occasione di referendum. Ma allora i presidenti della Corte costituzionale non aprirono bocca. Che cosa è cambiato?» si domanda il politologo. È cambiato che la Corte, negli ultimi anni, anche a causa di una politica debole e delegittimata, ha accentuato il proprio ruolo, intervenendo anche laddove non doveva intervenire (si pensi alla sentenza sulla legge elettorale o quella sul blocco degli stipendi degli statali), ma questo, dice Panebianco, è a discapito della terzietà e del prestigio della Corte stessa.

REFERENDUM SBAGLIATO. L’intervento di Romani sul Foglio è altrettanto interessante e già dal titolo rivela un aspetto importante della questione: “Batteremo Renzi in altre occasioni. Non ora, non rinnegando noi stessi”. Forza Italia, infatti, non si è espressa chiaramente sul voto, ma è andata finora in ordine sparso. Romani, però, rivendica il fatto che l’opposizione al governo Renzi non possa essere cieca e lo fa in nome di due considerazioni.
La prima riguarda la natura stessa del referendum: «Domenica non andrò a votare. Non ci andrei in nessun caso, qualunque fosse la mia opinione sulla materia della consultazione, perché trovo inaccettabile l’uso di un referendum in casi come questo». Il referendum, infatti, deve essere usato in casi eccezionali e quando «sia in gioco una scelta chiara fra due grandi visioni del mondo, monarchia o repubblica, indissolubilità del matrimonio o libertà per i coniugi». In questo caso, invece, si tratta di una questione minore e molto tecnica. Cioè una questione che gli stessi legislatori sono chiamati a risolvere, senza dover ricorrere «ai cittadini, che specializzati non sono». Altrimenti quel che accade – e anche questo referendum sulle trivello lo dimostra – è il ricorso all’emotività e alle impressioni (il video dei vip no triv l’avete visto, no?).

BASTA CON L’ITALIA DEL NO. La seconda considerazione Romani la trae dalla sue esperienza da ministro. «Il tema del referendum è totalmente sbagliato», scrive. «Le estrazioni di gas naturale e – in minima parte – di petrolio sono un contributo fondamentale a rendere il paese meno dipendente dagli approvvigionamenti esteri, soggetti a forti oscillazioni di prezzi e soprattutto alle condizioni di instabilità politica che caratterizzano il nord Africa e il Medio Oriente». Poiché l’effetto inquinante delle estrazioni è risibile, non si capisce perché dovremmo ancora una volta accodarci a questa “Italia del no” «che blocca le scelte di sviluppo del paese».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. lucillo says:

    Sarà pure un diritto ma rimane una vigliaccheria, di chi non sa fare battaglie per ciò che ritiene giusto ma approfitta dell’astensione per cercare di vincere facile.
    E così si indebolisce uno strumento fondamentale di democrazia diretta: per calcolo, per vigliaccheria, per incapacità o peggio rinuncia nel proporre le proprie idee.
    Secondo me chi proclama l’astensione dovrebbe essere escluso per sempre da ogni votazione.

    • Menelik says:

      Dovrebbe essere escluso per sempre da ogni votazione?
      Cambia spacciatore, che è meglio.
      Ce ne sono a bizzeffe di ragioni per l’astensione.
      Io escluderei per sempre da ogni votazione (anche proporla), chi la propone con argomenti truffaldini:
      Fermiamo le trivelle, e invece è un referendum solo sul rinnovo delle concessioni.
      Questo è indurre a far credere il falso.
      I promotori del referendum sono autentici spacciatori di falsità.
      Chi ci tiene all’ambiente, proprio lui dovrebbe astenersi dal voto di domenica.
      Per avere meno petroliere e metaniere che scarrozzano su e giù per il Mediterraneo assicurando un fiume di petroldollari agli sceicchi sunniti che li girano sotto banco all’isis.

      • lucillo says:

        Non ho detto chi non vota, potrebbero esserci 1000 motivi individuali per non farlo, ma chi con responsabilità pubbliche – per esempio giornalisti – o peggio istituzionali invita a boicottare gli strumenti democratici, a mio avviso si autoesclude da essi, e a questo punto sta fuori dai giochi: troppo comodo una volta si e una volta no secondo le convenienze.

  2. Giannino Stoppani says:

    E’ vero che astenersi è un diritto.
    Io però ci vado e voto sì.

    • Menelik says:

      Capisco la tua posizione, Giannino.
      Però io ne faccio una questione politica adesso, ma solo questione di approvvigionamento energetico, una questione di pura strategia industriale, a prescindere da ogni altra considerazione.
      Anch’io sono contro questo governo per:
      La faccenda Cirinnà-Scalfarotto-Fedeli in primis (lì sì che ci voleva il referendum, e avrei fatto 900 km e 100 euro di gasolio per recarmi alle urne).
      L’aver consentito l’accesso a tutti i migranti indiscriminatamente, molti dei quali senza nemmeno certezza di identità, ecc..ecc… qui il discorso si fa lungo e andrei OT,
      Aver fatto una riforma della scuola in cui assegna cattedre ad alcuni precari a scapito di altri precari che occupavano quelle stesse cattedre tutti gli anni.
      Aver organizzato i passaggi di fasce di graduatorie scolastiche concepiti né più né meno come un condono edilizio (5000 euro per passare dalla III alla II),
      il divorzio-lampo, e sai quante altre cose ancora se ci penso un po’?
      Però, lo ripeto, questo è un referendum sulla strategia di approvvigionamento energetico della nazione, non su Renzi.
      Se passasse il referendum, molto probabilmente alcuni pozzi metaniferi continuerebbero ad essere sfruttati fino a fine giacimento, com’è giusto e ovvio, ma con tubi di trasporto gas sul fondale fino al limite delle 12 miglia, dove potranno sempre esserci piattaforme.
      Tecnicamente è possibile, ma è meglio la tubatura diretta verticale…meno casino, meno spese.
      Poi vale l’equazione: Meno piattaforme = più petroliere. Praticamente più petroliere dai paesi arabi.

      • Giannino Stoppani says:

        Non lontano da casa mia stanno per aprire un inceneritore che con la mania del lessico ipocrita tipica della sinistra, chiamano “termovalorizzatore”.
        Ovviamente valorizza un cappero.
        Si limita a bruciare ogni genere di rifiuto trasformandolo in veleno da inalare come si fa con l’aerosol terapia dando ad intendere che dalla ciminiera esce aria di montagna alla faccia di Lavoisier e della sua legge della conservazione della massa.
        Questi corrotti infami propagano menzogne sulla pelle della gente.
        Io vado e voto sì.
        Dai un’occhiata al blog di Stefano Montarani e poi ti rendi conto che non lo faccio solo contro Renzi.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.