Google+

Il Papa è rivoluzionario?

novembre 14, 2015 Aldo Vitale

Per alcuni sarebbe un novello Che Guevara che sta letteralmente mettendo la Chiesa a testa sotto e piedi in aria. Ma è così?

papa-francesco-sh_216620614

Papa Francesco è un rivoluzionario? È un Papa che sta sovvertendo il cattolicesimo? È un Papa che sta rovesciando la Chiesa?
Stando alle compiaciute dichiarazioni di commentatori, opinionisti e vaticanisti nazionali ed internazionali, Papa Francesco sarebbe un novello Che Guevara che sta letteralmente mettendo la Chiesa a testa sotto e piedi in aria, rompendo con la tradizione, abbandonando la linea dei suoi predecessori, instaurando un “maoista” nuovo corso.

Ma è proprio così? E perché si o perché no?
Lo si dica subito, in modo chiaro e tondo: no, per almeno tre ragioni.

In primo luogo: perché più volte, come per esempio nella sua ultima enciclica, Papa Francesco richiama espressamente non solo i suoi predecessori, ma anche tutta la tradizione dottrinale della Chiesa.
Si pensi, infatti, che Giovanni Paolo II è stato citato 22 volte, Benedetto XVI ben 21 volte in tutta l’enciclica, e ancora Paolo VI 4 volte, Giovanni XXIII 2 volte, e poi alcuni dei più noti pilastri della dottrina teologica e morale del cattolicesimo come Basilio Magno, Benedetto da Norcia, Bonaventura da Bagnoregio, Giovanni della Croce, Giustino, Tommaso d’Aquino, e i più recenti Romano Guardini e Paul Ricoeur.

In secondo luogo: ritenere o sperare che il Papa, qualunque Papa, sia o debba essere necessariamente un rivoluzionario e rompere, nella sua azione, con tutto il passato della Chiesa, significa non aver compreso né il ruolo del Papa, né la natura della Chiesa, né, soprattutto, il senso del messaggio cristiano.
Il Papa, infatti, non è il capo di un partito politico e la sua funzione è quella di reggere la Chiesa nel tramandare il bimillenario messaggio cristiano, non potendo quindi né mutarlo, né revocarlo, né sovvertirlo: in ciò, e in nient’altro di così fondamentale, consiste la successione apostolica di cui egli è espressione vivente.
Dal canto suo, la Chiesa al cui vertice è posto il Papa, pur nella sua funzione vicaria, non è un partito politico, per cui non necessita né di rivoluzioni, né di purghe, né di aggiornamenti, anche perché, essendo ciò che è, cioè il corpo mistico del Cristo suo fondatore, non può adottare logiche mondane come quelle basate su eventuali maggioranze o minoranze.
Infine, occorre ricordare che l’unica vera rivoluzione della storia, “politica” nella misura in cui politica, cioè relazionale, è l’esistenza umana, la sola che ha davvero autenticamente e interiormente innovato l’umanità, è il Cristianesimo che, in quanto tale, non necessita di alcuna ulteriore rivoluzione.
Si pensi, tra i molteplici possibili esempi, al senso dello stare cristiano al mondo, cioè dell’essere nel mondo, ma non del mondo: «Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma io vi ho scelti dal mondo, per questo il mondo vi odia» (Gv. 15, 19).
Jacques Maritain, del resto, ha avuto modo di precisare con fin troppa chiarezza che «il Cristianesimo ha annunciato ai popoli il regno di Dio, e la vita futura, ha insegnato loro l’unità del genere umano», quella unità che si riflette nell’unicità cattolica della Chiesa, e che molti, fuori e dentro la Chiesa stessa, si auspicano di lacerare secondo la diffusione di frammentate e frammentarie logiche “partitiche”.

In terzo luogo: ogni Papa è stato sostanzialmente un rivoluzionario, poiché essendo rivoluzionario il messaggio cristiano ogni Papa si è opposto alla logica del mondo.
Gli esempi storici potrebbero essere molteplici, ma effettuando una veloce ricognizione, si pensi a Papa Leone Magno che arrestò l’avanzata distruttrice di Attila scongiurando ulteriori spargimenti di morte e devastazione; si pensi a Papa Paolo III che per primo e da solo riconobbe i diritti naturali delle popolazioni mesoamericane, colonizzate, schiavizzate e sterminate dai regni secolari europei; si pensi ai tentativi di Pio XI per convincere i rappresentanti politici delle nazioni europee, all’alba del secondo conflitto mondiale, a deporre le armi ed evitare l’ecatombe che ne è seguita; si pensi, ancora, all’opera di tutti i pontefici del XX secolo che si sono opposti alle tirannie di destra e di sinistra ribadendo con forza la dignità e la libertà umana; si pensi, ancora, alla lotta, sempre più strenua, almeno da Giovanni Paolo II in poi, che i pontefici hanno intrapreso per riaffermare la verità naturale, cioè di ragione, costitutiva dell’essere umano, verità messa sempre più in pericolo dal crescente potenziamento della tecnica asservita ora a ragioni di lucro, ora a ragioni ideologiche.

In questo senso, e non altrimenti, senza dubbio, Papa Francesco, come ogni suo predecessore (soprattutto gli ultimi due), è un rivoluzionario, poiché alle effimere ed anti-umane, sempre molteplici, camaleontiche e spesso totalitarie opinioni soggettive del mondo (come per esempio quella genderista), contrappone la forza liberatrice e razionale della verità eterna ed oggettiva.
Ogni altra interpretazione o è fantasia o è eresia: in entrambi i casi non si tratta di una visione cristiana, essendo dunque non afferente alla natura, al ruolo e ai poteri dei Papi, non escluso Francesco.

Foto da Shutterstock


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. Lad says:

    Non mi interessa mai nulla di quel che dice.
    Si vede che è stato abituato a relazionarsi con il sud del mondo, con gente che nella maggior parte dei casi non ha finito le elementari.
    Con Analfabeti. Con chi è ai margini della periferia.
    Non c è nulla di male in questo anzi tanto di cappello, ma è impensabile che il contenuto e contenitore delle sue presi He possa indirizzare uno svedese o un tedesco!
    Non c è nulla di spiritualmente rilevante in ciò che dice
    È tutta una predica rivolta ai bambini
    Solo un consiglio mi è rimasto molto impresso ossia
    Quello di non andare a letto senza aver fatto prima la pace.

    • Menelik says:

      Il cosidetto sud del mondo è molto più importante ed influente del nord per il Cristianesimo.
      Idem per quel che riguarda l’approvvigionamento delle risorse, in un’ottica laica.
      Il serbatoio del Cristianesimo mondiale futuro sarà l’Africa, l’Asia e l’America Latina.
      L’Europa ed il Nord America avranno ruoli sempre più marginali.
      La Russia è un “continente” cristiano ma parallelo, non coincidente col nostro percorso.
      E non sto parlando solo in termini di presenze cristiane numericamente, ma di peso che avranno nell’economia mondiale, cioè di disponibilità di risorse.
      E il discorso che fai delle elementari e dei margini della periferia non fila.
      Infatti le guerre di questi ultimi trent’anni sono tutte guerre neo-coloniali, per mettere le mani sul futuro, per appropriarsi di ciò che servirà nel futuro.
      Che lo si accetti o meno, la Chiesa è più influente della politica estera dei potentati finanziari in più di metà pianeta.
      E’ per quello che le hanno dichiarato guerra.

    • Cisco says:

      @Lad

      Figuriamoci quanto intessa a noi dei tuoi deliri da imperialista de’ noantri.

  2. Lad says:

    Sì è opposta alle logiche del mondo?
    Non mi sembra proprio visti i continui scandali in cui è coinvolta.

    Direi piuttosto che:
    A parole si oppone
    Coi fatti si pone in assoluta continuità

  3. Menelik says:

    Dopo Lad scappa fuori Menelao dal cappello magico.
    Sarà che è lo stesso IP ?

  4. Alessandro2 says:

    Solo alcune frasi infelici, volute, inquietanti:

    “Niente violenza, ma niente provocazioni: se uno insulta mia madre, gli do’ un pugno, giusto?” (dopo gli attentati a Charlie Hebdo).
    “Fare figli come conigli non significa essere un buon cristiano”.
    “Chi sono io per giudicare gay o divorziati?”
    “Dio non è cattolico”.
    “Coraggio, eh! Le starò vicino in questa sua lotta all’ingiustizia” (a Marco Pannella).
    “Vi auguro che il Ramadan vi porti abbondanti frutti spirituali” (a Lampedusa, agli amici musulmani)
    “Questa croce” [a forma di falce e martello!] “è comunque simbolo di libertà” (dopo il regalo di Morales).
    “a Lui [al Signore] appartiene “la terra e quanto essa contiene” (Dt 10,14). Perciò Dio nega ogni pretesa di proprietà” (que viva Guevara! Frase contenuta nella Laudato Si’)
    “Io non mi identifico con i visi inespressivi di chi recita il rosario fuori dalle cliniche che praticano l’ interruzione della gravidanza”.

    …e molto altro. Il Papa è rivoluzionario? Purtroppo sì, cari miei bergogliani a oltranza. I pastori guidano il gregge verso il baratro, e flirtano coi lupi.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.

L’originale tre ruote Piaggio compie 70 anni e li festeggia con un grande raduno a Salsomaggiore Terme. Le iscrizioni sono aperte

L'articolo Euro Ape 2018, dal 21 al 23 settembre 2018. Info e iscrizioni proviene da RED Live.