Google+

Il creatore del “primo pc” e quello del primo farmaco antipolio

maggio 19, 2017 Sandro Fusina

Harry Huskey perse tutto in un quiz televisivo. Julius Youngner venne mandato a studiare i sali di uranio e plutonio, ma non sapeva di stare lavorando al progetto dell’atomica

huskey

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Harry Huskey. Nacque il 19 gennaio 1916. Nacque sulle Great Smoky Mountains, al confine tra il Tennessee e il North Carolina. Nacque tra quei montanari che la stampa di allora definiva con sufficienza hillbilly, gente di montagna, refrattaria al mondo moderno. Nessuno della sua famiglia aveva mai studiato troppo. Harry arrivò a laurearsi, all’Università dell’Idaho. Nel 1943 si addottorò all’Università statale dell’Ohio con una tesi riguardante la soluzione del problema di Geocze, un celebre (tra gli specialisti) quesito di geometria euclidea.

All’Università della Pennsylvania insegnò matematica, ma parte del suo tempo la dedicò alla Moore School of Electrical Engineering, costola dello stesso ateneo, per la realizazione dell’Eniac, l’Electronic Numerical Integrator and Computer. Poi nel Regno Unito lavorò per un anno al National Physical Laboratory (Npl) con quel Alan Turing che un recente film ha reso popolare come vero inventore del calcolatore elettronico, il marchingegno detto Enigma che rese possibile agli alleati decifrare i codici nazisti e quindi vincere la Seconda Guerra mondiale. Dopo l’abbandono da parte di Turing dell’Npl (in parte per i lenti progressi nella costruzione dell’Automatic Computing Engine), Harry Huskey collaborò con James H.

Wilkinson. Per la Bendix Aviation Corporation progettò il G15, che può essere considerato il primo personal computer della storia: infatti Huskey lavorava da casa sua, proprio sull’esemplare oggi conservato alla Smithsonian Institution di Washington, il tronco centrale del più importante e ramificato museo della scienza del mondo.

Nel frattempo non disdegnava di partecipare ai quiz televisivi. Nel 1950, in una puntata di You Bet Your Life di Groucho Marx, perse tutto perché in squadra con un rigattiere non seppe dire che lo stato del Missouri confinava a nord con l’Iowa. L’incidente non compromise la sua autorità scientifica né la carriera accademica.

All’Ucla (Università della California) di Berkeley favorì il lavoro sul linguaggio di programmazione di Niklaus Wirth; all’Ucla di Santa Cruz, vero centro della Silicon Valley, aiutò l’ex moglie, matematica, a raccogliere materiale per una biografia, rimasta incompiuta, di Ada Lovelace, la matematica inglese che nell’Ottocento aveva inaugurato l’era dei computer. È morto domenica 9 aprile.

Julius Youngner. Nacque il 24 ottobre 1920. Nacque a New York. Nell’infanzia funestata da una lunga serie di malattie infettive, tra cui una polmonite che lo mise in pericolo di vita, si radicò il suo interesse per i vaccini. Si laureò all’Università di New York, ma in microbiologia si addottorò all’Università del Michigan. Durante la guerra fu mandato all’Università di Rochester a verificare gli effetti dei sali d’uranio e plutonio su animali vivi. Non aveva idea di stare lavorando al progetto Manhattan, per la produzione della bomba atomica.

Nel 1949 arrivò al dipartimento di microbiologia e di genetica molecolare dell’Università della Marina di Pittsburgh per studiare i metodi di cultura dei virus nelle cellule vive. Il dottor Jonas Salk si offrì di trovargli finanziamenti purché tra gli altri coltivasse almeno un virus della poliomielite. Youngner escogitò il modo di rendere quel virus inattivo, in modo che potesse essere inserito senza pericolo in un vaccino, e realizzò il test per verificarne l’efficacia sui pazienti umani. Mai un vaccino o un farmaco fu testato con lo stesso scrupolo, e si mostrò altrettanto efficace: in meno di due anni i casi di mortalità per poliomielite infantile scesero da trentacinquemila a duemilacinquecento. Il dottor Salk, a chi chiedeva a chi appartenesse il brevetto del primo vaccino antipolio della storia, rispondeva: «A nessuno, a tutti. Si può brevettare il sole?».

Salk fondò poi un proprio istituto di ricerca a La Jolla, California. Youngner per tutta la vita continuò nello stesso spirito il suo lavoro in quel dipartimento dell’Università di Pittsburgh dove era entrato con l’intenzione di non restare a lungo. È morto giovedì 27 aprile.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.

Si chiamano Sport Edition e Sport Edition2 le due nuove versioni della Renault Captur che la Casa francese ha presentato a Roma – presso la Fondazione Exclusiva del rione Testaccio – il 14 maggio. La data non è casuale, e coincide con l’apertura delle prenotazioni dell’edizione rivista in alcuni dettagli e arricchita di una delle […]

L'articolo Renault Captur: ora è Sport Edition, e anche “al quadrato” proviene da RED Live.

Momodesign continua a rinnovare la sua gamma di prodotti incentrata sui caschi, che sono diventati negli anni un acquisto irrinunciabile per scooteristi e motociclisti attenti alle tendenze e allo stile. Il nuovo jet open face fa intuire fin dal nome la sua vocazione: interpretare la contemporaneità del design con linee decise, che mantengono comunque assoluta […]

L'articolo Momodesign Blade Urban Wonder proviene da RED Live.