Google+

Inps, ecco come funziona la pensione per i “precari”

giugno 17, 2011 Giuseppe Sabella

Nel 1995 è stata istituita all’Inps la Gestione Separata, una specifica forma di previdenza obbligatoria dove finiscono i contributi dei parasubordinati che hanno diritto alla pensione di vecchiaia. I requisiti sono almeno cinque anni di contributi e 60 anni, per le donne, o 65, per gli uomini

Nei giorni scorsi si sono susseguite in rete e su alcuni quotidiani notizie allarmanti in merito al destino previdenziale dei lavoratori parasubordinati. I rumors sono stati attribuiti ad una frase pronunciata dal presidente dell’Inps, Antonio Mastrapasqua, che, rispondendo ad una domanda formulata durante un convegno dell’Ania (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) e Consumatori, avrebbe detto che «se dovessimo dare la simulazione (on line, ndr) della pensione ai parasubordinati, rischieremmo un sommovimento sociale».

Secondo queste voci, le parole di Mastrapasqua significherebbero che tale tipologia di lavoratori non percepirà la pensione, nonostante i versamenti previdenziali effettuati. In attesa di una precisazione da parte dell’Inps stessa, siamo andati a verificare le regole previdenziali per questi lavoratori. 

Nel 1995 è stata istituita presso l’Inps una Gestione Separata, quindi una specifica forma di previdenza obbligatoria dove finiscono i contributi dei parasubordinati, versati in misura che varia dal 16 al 26,72% del reddito che deriva dalle attività per le quali è stato sottoscritto un contratto di collaborazione. Per la legge, i lavoratori iscritti alla Gestione Separata hanno diritto alla pensione di vecchiaia. Non solo: hanno anche diritto alla pensione di inabilità, all’assegno di invalidità, alla pensione ai superstiti, alla pensione supplementare e al supplemento di pensione.

Tuttavia, per avere diritto alla pensione di vecchiaia, i lavoratori che sono iscritti alla Gestione Separata devono versare contributi per almeno 5 anni ed avere almeno 60 anni, se donne, o 65, se uomini. Quindi, i lavoratori con contratti di collaborazione a progetto, quelli autonomi che esercitano la professione in modo abituale, gli incaricati delle vendite a domicilio, gli spedizionieri doganali, i titolari di borse di studio per la frequenza ai dottorati di ricerca, dovranno avere un minimo di permanenza nella Gestione Separata di 5 anni, esattamente come i lavoratori subordinati.

Secondo le regole attuali, infatti, i lavoratori subordinati potranno godere della pensione di vecchiaia solo se avranno versato almeno 5 anni di contributi. Le regole del trattamento pensionistico per i lavoratori parasubordinati sono identiche a quelle dei lavoratori considerati privilegiati: i lavoratori subordinati. Il legislatore, inoltre, tenendo presente che la vita lavorativa è e sarà sempre più caratterizzata da fasi di lavoro con contratti differenti – a periodi di lavoro subordinato si aggiungono periodi di collaborazione – ha previsto anche che l’iscrizione ad una Gestione Previdenziale Obbligatoria, come quella dei lavoratori subordinati, e l’iscrizione alla Gestione Separata siano autonome e diano diritto a prestazioni pensionistiche separate. A questo punto, che cosa significano le parole del presidente dell’Inps?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.