Google+

Ho avuto una visione: l’Inter eravamo tutti noi

maggio 20, 2017 Fred Perri

La squadra nerazzurra è come l’Italia, un posto dove il senso dell’appartenenza è un sentimento vago, scomposto, secondario

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Compagni e amici, ho avuto una visione. Vi vorrei parlare dell’Inter. Sì, lo so, a questo punto i miei amici di Tempi si mettono le mani laggiù, perché temono la fuga dei lettori. Ma oggi non sarà così, non dico che sono «in missione per conto di Dio» come sosteneva Jake “Joliet” Blues ma penso di aver avuto la giusta intuizione. Scrivo per costruire, non per distruggere.

Allora. L’Inter è come l’Italia, un posto dove c’è troppa gente che ha o vuole avere voce in capitolo. L’Inter è come l’Italia, un posto dove il senso dell’appartenenza è un sentimento vago, scomposto, secondario rispetto ad altre pulsioni. L’Inter è come l’Italia, un posto dove le divisioni tra i diversi schieramenti sono troppo forti per arrivare a una condivisione solo con la buona volontà. L’Inter è come l’Italia, un posto dove il concetto di buona volontà è stato accantonato e tolto perfino dal lessico comune. L’Inter è come l’Italia, un posto dove c’è tanta, troppa gente sopravvalutata, che si crede chissà che e invece è poco più che mediocre. L’Inter è come l’Italia, un posto dove, se le cose vanno male, prima si urla al complotto, poi quando si capisce che invece è tutto demerito proprio è già troppo tardi. L’Inter è come l’Italia, un posto dove un allenatore/premier dura lo spazio di un alito di vento, senza stabilità, senza continuità. L’Inter è come l’Italia, un posto dove tutti si credono “de sinistra”, alternativi, poi si va a votare/in campo e si capisce che il gioco/elezioni sono di tutt’altro parere. L’Inter è come l’Italia, un posto dove ci deve essere un uomo solo al comando. Eletto/ingaggiato democraticamente, ci mancherebbe. Ma uno solo. Altrimenti non si combina nulla.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.

Si chiamano Sport Edition e Sport Edition2 le due nuove versioni della Renault Captur che la Casa francese ha presentato a Roma – presso la Fondazione Exclusiva del rione Testaccio – il 14 maggio. La data non è casuale, e coincide con l’apertura delle prenotazioni dell’edizione rivista in alcuni dettagli e arricchita di una delle […]

L'articolo Renault Captur: ora è Sport Edition, e anche “al quadrato” proviene da RED Live.

Momodesign continua a rinnovare la sua gamma di prodotti incentrata sui caschi, che sono diventati negli anni un acquisto irrinunciabile per scooteristi e motociclisti attenti alle tendenze e allo stile. Il nuovo jet open face fa intuire fin dal nome la sua vocazione: interpretare la contemporaneità del design con linee decise, che mantengono comunque assoluta […]

L'articolo Momodesign Blade Urban Wonder proviene da RED Live.