Google+

Ho avuto una visione: l’Inter eravamo tutti noi

maggio 20, 2017 Fred Perri

La squadra nerazzurra è come l’Italia, un posto dove il senso dell’appartenenza è un sentimento vago, scomposto, secondario

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Compagni e amici, ho avuto una visione. Vi vorrei parlare dell’Inter. Sì, lo so, a questo punto i miei amici di Tempi si mettono le mani laggiù, perché temono la fuga dei lettori. Ma oggi non sarà così, non dico che sono «in missione per conto di Dio» come sosteneva Jake “Joliet” Blues ma penso di aver avuto la giusta intuizione. Scrivo per costruire, non per distruggere.

Allora. L’Inter è come l’Italia, un posto dove c’è troppa gente che ha o vuole avere voce in capitolo. L’Inter è come l’Italia, un posto dove il senso dell’appartenenza è un sentimento vago, scomposto, secondario rispetto ad altre pulsioni. L’Inter è come l’Italia, un posto dove le divisioni tra i diversi schieramenti sono troppo forti per arrivare a una condivisione solo con la buona volontà. L’Inter è come l’Italia, un posto dove il concetto di buona volontà è stato accantonato e tolto perfino dal lessico comune. L’Inter è come l’Italia, un posto dove c’è tanta, troppa gente sopravvalutata, che si crede chissà che e invece è poco più che mediocre. L’Inter è come l’Italia, un posto dove, se le cose vanno male, prima si urla al complotto, poi quando si capisce che invece è tutto demerito proprio è già troppo tardi. L’Inter è come l’Italia, un posto dove un allenatore/premier dura lo spazio di un alito di vento, senza stabilità, senza continuità. L’Inter è come l’Italia, un posto dove tutti si credono “de sinistra”, alternativi, poi si va a votare/in campo e si capisce che il gioco/elezioni sono di tutt’altro parere. L’Inter è come l’Italia, un posto dove ci deve essere un uomo solo al comando. Eletto/ingaggiato democraticamente, ci mancherebbe. Ma uno solo. Altrimenti non si combina nulla.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.