Google+

Fratelli d’Italia, stringiamoci a Corte

marzo 29, 2000 Zottarelli Maurizio

E ora solo la Corte Costituzionale (o il tracollo elettorale del governo D’Alema) può fermare una riforma che, parola di primario di ospedale statale, peggiorerà il servizio sanitario pubblico

Secondo il ministro della Sanità l’85% dei medici ha scelto di lavorare esclusivamente per le strutture pubbliche (intramoenia). Ma sull’intera vicenda di una riforma che ha imposto ai medici di compiere un’opzione definitiva entro il 13 marzo (si è trattato, per quanti l’hanno compiuta, di una scelta netta tra attività nelle strutture pubbliche mantenendo compensi e ruoli, e attività privata,extramoenia, con perdita di ogni possibilità di carriera e parte del compenso nella struttura pubblica) incombono ricorsi e giudizi di incostituzionalità. In particolare il Tar del Lazio ha accolto il ricorso di alcuni medici delle università di Siena e Pisa, rilevato principi di inconstituzionalità nel decreto Bindi e autorizzato un rinvio per l’opzione al 5 luglio, data in cui il provvedimento verrà discusso dalla Corte costituzionale. La Bindi però non ha voluto sentire ragioni e ha ribadito: “I ricorsi sono carta straccia e i medici devono scegliere entro il 13 marzo”. E così oggi la guerra continua. “Ricorrere al tribunale amministrativo è un diritto dei cittadini” spiega Giuseppe Mancia, docente di Clinica medica all’Università di Milano Bicocca e primario nel reparto di medicina interna dell’ospedale pubblico S. Gerardo di Monza. In attesa del verdetto della Corte Costituzionale, quali saranno le prime conseguenze concrete della riforma Bindi? “La prima conseguenza sarà un’inevitabile dequalificazione della categoria che nel tempo porterà molti a scegliere una remunerazione migliore nelle strutture private. Un buon primario che davanti a buone offerte scelga l’extramoenia verrà immediatamente declassato della carica di primario e dello stipendio pur continuando a fare lo stesso lavoro. Crede che resterà nella struttura pubblica sottopagato e degradato? E i migliori giovani, cosa faranno? Il rischio è che alla fine nel pubblico rimanga, mugugnando, solo chi non avrà abbastanza motivi per cambiare. Non credo che questa politica punitiva andrà a vantaggio della sanità pubblica”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.