Giornalisti in prigione: l’Italia è come Cuba, Yemen e Bahrein